Tempo di lettura: 1 Minuti

Parole, parole, parole… ma anche messaggi e Internet!

Parole, parole, parole… ma anche messaggi e Internet!

Per noi che passiamo da un gestore telefonico all’altro cercando sempre quel centesimo di risparmio sulla tariffa, ecco tutte le novità dell’estate 20

Bando Ministero Istruzione: 50 milioni per promuovere integrazione e accoglienza
Studente universitario non temere, ci pensa la Befana a farti tornare bambino
Maturità 2018, ecco la seconda prova per tutti gli indirizzi

Per noi che passiamo da un gestore telefonico all’altro cercando sempre quel centesimo di risparmio sulla tariffa, ecco tutte le novità dell’estate 2016.

Di Silvia Carletti

Periodo di intensa attività per gli operatori telefonici. Grazie alla diffusione degli smartphone gli utenti sono sempre più numerosi, chiunque possiede un telefono mobile e cerca un abbonamento vantaggioso. E come soddisfarli tutti adesso?
Per questo le compagnie hanno pensato di ideare un nuovo piano tariffario: non più riduzione dei costi, ma “segmentazione” delle offerte. Cosa significa? Avendo a che fare con una clientela molto varia che comprende fasce di età diverse tra loro, non è possibile realizzare una tariffa universale.

Né si può continuare ad operare in “ribasso” sui prezzi mensili e settimanali, cosa che ha già portato molte case telefoniche a un notevole ridimensionamento economico delle entrate. Allora, non resta che procedere a categorie: Kids, Young, Business, Family, 60+. Ogni età ha la sua tariffa, in base alle priorità e alle esigenze! Particolare attenzione si da’ ai bambini e agli anziani, le “new entry” nell’era degli smartphone.

Tim ha creato una tariffa “Junior“ che con 60 euro l’anno comprende 60 minuti mensili, chiamate illimitate verso un numero Tim che potrebbe essere quello di un genitore e 1 GB di Internet. La navigazione è protetta e supervisionata dai genitori grazie all’opzione Protezione Bambino. Simile anche la promozione attivata da Vodafone, con 9 euro al mese per 50 sms, 100 minuti e 500 MB, mentre Wind munisce i più piccoli di un sistema Gps, chiamato KizOn, che consente ai genitori (che hanno l’app sul proprio telefono) di individuare la posizione del bambino, oltre che comunicare illimitatamente, con un’offerta gratuita per il primo semestre dall’attivazione e successivamente con l’implemento di 5 euro al mese.

Ai più anziani ci pensa ancora la Tim, con un abbonamento che “segue” i suoi clienti 24h su 24: la tariffa 60+ (che offre 400 minuti e a 1GB di Internet con 12 euro al mese) include un servizio di assistenza sempre attivo con il quale gli anziani meno esperti di telefonia possono confrontarsi in qualsiasi momento.
Passiamo adesso a una categoria invincibile se si parla di comunicazione e rete: i giovani, i più attivi in assoluto sia nella navigazione che nella messaggistica. Bene, vediamo le novità per gli under 30:

la Tim diventa “digitale” con Young&Music, l’erede evoluta della vecchia linea Young, grazie alla quale i ragazzi hanno a disposizione 3GB, mille sms e TIMmusic, una piattaforma di streaming musicale che funziona senza consumare Giga. Ovviamente, l’offerta è espandibile con minuti e ulteriori dati di navigazione. Verso il digitale punta anche la Wind con All Digital, messaggi illimitati, 500 minuti di traffico voce e 2GB, e la Vodafone con Shake, 100 sms, 300 minuti e 3GB. Notevole è il ruolo che i Giga (e quindi Internet) hanno acquisito nella scelta di un’offerta piuttosto che un’altra, soprattutto tra i giovani, che ormai hanno rimpiazzato messaggi e chiamate vecchio stile con applicazioni come Telegram, Whatsapp e Vibe.

Così, il mondo della comunicazione e della telefonia punta verso un’unica grande direzione, quella della rete.

Di Silvia Carletti

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0