Tempo di lettura: 1 Minuti

L’incontro a Torino tra l’Islam e il quotidiano La Stampa

L’incontro a Torino tra l’Islam e il quotidiano La Stampa

Nella moschea di via Genova si parla di integrazione e futuro. Di Stefano Di Foggia La moschea Mohammed VI, intitolata al re del Marocco, si trova in

“Scuole chiuse lunedì”, ecco la minaccia dei presidi
Referendum costituzionale, all’università nasce il primo comitato per il Sì
Imparare con la musica, da oggi si può!

Nella moschea di via Genova si parla di integrazione e futuro.

Di Stefano Di Foggia

La moschea Mohammed VI, intitolata al re del Marocco, si trova in via Genova 268 a Torino. Un luogo sorto da poco che però in breve tempo ha raccolto una comunità viva e partecipe.
L’Iftar, l’interruzione del digiuno, uno dei momenti più importanti del Ramadan, è stato preceduto da un dialogo con il direttore della Stampa, Maurizio Molinari che è stato invitato dai responsabili del centro islamico appartenente alla Federazione Islamica del Piemonte, per parlare e scambiare opinioni con la comunità ed in particolare con i giovani che frequentano la moschea.

Tra i ragazzi, Gufren, maturanda al liceo scientifico, ha invitato i giovani musulmani a farsi parte attiva nelle scuole “per spiegare aspetti culturali e religiosi, per far capire che i pensieri negativi sull’Islam di certi compagni, derivano solo dall’ignoranza” e ha aggiunto, “anche una chiacchierata in corridoio durante l’intervallo può servire”.

Walid, invece, è uno studente di Tecnologie alimentari e insieme ai suoi compagni Amina, Assia e Hamid, ha raccontato al direttore dell’impegno dei giovani “per costruire un modello di Islam ‘made in Italy’ “.

Maurizio Molinari, alla fine dell’incontro, ha detto: “Essere qui con voi è importante perché il mese di Ramadan è importante. Appartiene a tutti i musulmani che vivono a Torino e quindi appartiene anche a tutti coloro che vivono a Torino. Dobbiamo essere grati alle comunità che compongono il tessuto di questa città perché ne arricchiscono il patrimonio culturale. Più il dialogo è vivace, più ogni persona si arricchisce. La Stampa desidera aprirsi alle vostre storie, agli aspetti della realtà che ritiene di interesse collettivo: il ruolo del giornale in questo tempo non è solo di informare e ospitare opinioni, ma anche di conversare e saper ascoltare identità diverse. Ci sono persone che vogliono essere italiane, sono gli italiani per scelta. Chi accoglie e chi arriva ha la responsabilità di contribuire alla crescita del Paese, rispettandone leggi e la Costituzione. La sfida è l’incrocio delle responsabilità”.

Parole importanti che sono state molto apprezzate da una comunità che mira fortemente all’integrazione.

Di Stefano Di Foggia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0