Tempo di lettura: 2 Minuti

Le vite normali di persone normali, una mattina di luglio tra Andria e Corato

Le vite normali di persone normali, una mattina di luglio tra Andria e Corato

Le storie di alcune vittime dello scontro tra i treni in Puglia. Di Stefano Di Foggia Ancora non è definitivo il bilancio del disastro avvenuto marted

Bama, Nigeria, ogni giorno nuove tombe scavate nel campo
Sono stata al Bishwa Ijtema, il secondo più grande festival musulmano del mondo
Summer Lab sui diritti

Le storie di alcune vittime dello scontro tra i treni in Puglia.

Di Stefano Di Foggia

Ancora non è definitivo il bilancio del disastro avvenuto martedì mattina in provincia di Bari. Per ora si contano 27 vittime ma non a tutti è stato possibile dare un nome ed un cognome. Solo otto persone sono state identificate e solo di loro si possono raccontare frammenti di vita.

  • Fulvio Schinzari aveva 59 anni ed era vice questore aggiunto a Bari. Viveva ad Andria con la moglie e le due figlie. La sua passione era la musica, suonava la chitarra ed era un grande fan di Pat Metheny, Mark Knopfler e Joni Mitchell. Fondò la prima radio libera andriese, Radio Antenna Adriatica. Finite le ferie, alle 14 sarebbe tornato in servizio. Quel trenino Andria-Bari lo prendeva ogni mattina da anni.
  • Enrico Castellano, di 72 anni, quella mattina era innanzitutto un nonno e stava raggiungendo il nipotino per festeggiare il suo compleanno. Era nato ad Ostuni, ma aveva lasciato la Puglia per vivere a Torino. Lì aveva fatto carriera ed era diventato dirigente del Banco di Napoli.
    Franco, il fratello ha raccontato: “Pensavamo di fare due feste, l’onomastico il giorno di sant’Enrico e il compleanno”.
  • Giuseppe Acquaviva non era su uno dei due treni ma in mezzo ai campi. Aveva 51 anni e faceva il contadino. Stava passeggiando nei pressi della ferrovia, tra gli olivi, compiendo un rito probabilmente quotidiano. Quanto c’è stato l’impatto è stato raggiunto da una scheggia, lo hanno portato all’ospedale di Barletta ma dopo qualche ora è deceduto.

Antonio Summo quella mattina doveva andare a scuola a tutti i costi, anche con il mal di pancia. Il padre gli aveva suggerito di rimanere a casa ma lui ha insistito: “Papà, devo recuperare due debiti formativi, lo sai”. Frequentava il secondo anno dell’istituto industriale di Andria e studiava anche al Conservatorio. Una lezione era finita in anticipo e alla stazione del suo paese, Ruvo di Puglia, lo aspettava il nonno. “Mi ha chiamato al telefono: dieci minuti e arrivo, vieni a prendermi”.

  • Jolanda Inchingolo, lo portava sempre al dito quell’anello con la pietra nera, è così che l’hanno riconosciuta. Jolanda aveva 25 anni, e a settembre si sarebbe sposata con Marco. “Doveva essere la madre dei miei figli”, urla Marco senza potersi dare pace. Martedì mattina Jolanda stava andando a Bari proprio per incontrarlo.
  • Di Donata non sia hanno notizie, la sessantenne di Terlizzi al momento dell’impatto aveva tra le braccia suo nipote Samuele, di 6 anni. Forse ha salvato la vita al piccolo stringendolo tra le braccia. Lo stava riportando a Milano dai genitori dopo qualche giorno di vacanza in Puglia. Samuele è stato uno dei primi salvati dai soccorritori e ora sta bene.
    Agli zii il bambino ha detto solo: “Stavo dormendo sulla nonna, poi c’è stato quello scoppio fortissimo”.
  • Uno dei due macchinisti si chiamava Pasquale Abbasciano ed era di Andria, amava la campagna e il suo lavoro. “Era molto esperto, faceva questo lavoro da tanti anni”, dicono i colleghi. Dopo tanti anni infatti stava per andare in pensione. Quella mattina però non pensava alla pensione e alla sua nuova vita ma a sua figlia. La stava per raggiungere al municipio di Andria per sentirle recitare la promessa di matrimonio.
  • Gabriele Zingaro, di Andria, aveva da poco trovato lavoro in un’azienda metalmeccanica di Bitonto. Aveva 23 anni e quella mattina stava tornando dopo una visita medica al Policlinico di Bari. Si era ferito un dito lavorando e mentre tornava ha chiamato la madre. La famiglia ha aspettato sue notizie al Palazzetto dello sport di Andria fino a sera, ma non sono arrivate.

Di Stefano Di Foggia

Older Post

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0