Tempo di lettura: 2 Minuti

Università di Parma e Lega Pro, un modello da seguire

Al via una campagna di crowdfunding condivisa dai due enti, con lo scopo di acquistare defibrillatori negli stadi del campionato regionale. Un’iniziat

Calcio, Zaccardo si offre su Linkedin: il lavoro ai tempi dei social
Ce l’ho, mi manca: la bellissima legge dell’album Calciatori Panini
Lo sport come riscatto

Al via una campagna di crowdfunding condivisa dai due enti, con lo scopo di acquistare defibrillatori negli stadi del campionato regionale. Un’iniziativa che sa molto di #bellastoria.

Insieme per la salvaguardia della salute. È un messaggio forte, ma che ben sintetizza l’idea che questi due enti, con un lavoro coordinato, stanno portando avanti in maniera decisa: fornire ogni stadio della Lega Pro ( una sessantina sparsi per tutto lo stivale ) di un defibrillatore.
“Il grande cuore della C” è il nome dell’iniziativa, lodevole, che prevede il supporto dell’università di Parma attraverso una campagna di raccolta fondi online. È stata illustrata al Ridotto del Teatro Regio durante la presentazione dei calendari Lega Pro 2016-17; UniParma partecipa al progetto con il Centro di Ricerche sullo Sport, diretto dal prof. Luca Di Nella, con il Sem-Centro di Medicina dello Sport e dell’Esercizio Fisico del prof. Antonio Bonetti.

Evitare tragedie come quelle già accadute in diversi stadi del mondo ( non possiamo dimenticare Piermario Morosini ) è la speranza che tutti dovrebbero conservare, sicuramente un progetto di questo tipo non può che spingere nella direzione migliore.
Bravi tutti.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0