Tempo di lettura: 1 Minuti

Mestre: occhio alla spesa, salasso di 500 € a studente

Mestre: occhio alla spesa, salasso di 500 € a studente

Con l’inizio della scuola, al via anche le spese per le famiglie. Quest’anno solo per i libri si spenderanno in media 500 euro. #FacceCaso. A Mestre q

FuoriSede: quanto costa la vita?
Lambda School, la scuola rivoluzionaria che cambia il mondo dell’istruzione
Quanto costa studiare l’Inglese?

Con l’inizio della scuola, al via anche le spese per le famiglie. Quest’anno solo per i libri si spenderanno in media 500 euro. #FacceCaso.

A Mestre quest’anno, tra libri e accessori per un figlio iscritto alle superiori, le famiglie sfioreranno i 500€ di spesa a studente solo per i libri. Senza contare poi gli accessori: diario, astuccio, quaderni, penne e per finire lo zaino, che può costare tra i 30 e i 50€.

Se ci si affida all’usato, le famiglie spenderanno in media 350€, vanno poi aggiunti i vocabolari (solo quello di greco arriva a costare anche 100€) e i manuali richiesti in alcuni istituti tecnici.

La spesa più impegnativa spetterà agli studenti che si iscriveranno al terzo anno (prima liceo) del Franchetti: 462,75 euro di libri. Al quinto anno dello Zuccante invece, si spenderanno “solo” 92,70 euro tutto compreso.

Rispetto allo scorso anno, i prezzi dei libri rimangono più o meno invariati, con un aumento che si aggira attorno all’1%. Generalmente la dotazione è composta da 15 libri con un prezzo fra i 20 e i 30 euro ciascuno.

Per ora l’unica scuola a sforare il budget del MIUR è la prima A del Bruno: 334€ contro i 320€ previsti dal Ministero. Al Franchetti 7 testi su 12 andranno necessariamente acquistati nuovi, il che riduce la possibilità di scambiare libri usati ed ovviamente di risparmiare, in alcuni casi, addirittura il 50% della spesa.

“In un mondo sempre più digitalizzato, il salasso non cambia” – commenta il presidente dell’Acido Carlo Garofolini “la scuola continua a rappresentare una spesa eccessiva per le famiglie. Bisognerebbe seguire l’esempio di quegli istituti che digitalizzano tutto e affidano agli studenti un tablet in comodato d’uso. C’è poi da dire che molte scuole aggirano il tetto di spesa massimo fissato dal Ministero inserendo nelle liste gli e-book, che costano meno del cartaceo ma che, in realtà, i professori non vogliono”. #FacceCaso.



Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0