Tempo di lettura: 3 Minuti

Giuseppe Lombardo Radice e la scuola del ‘900

Disponibile sul sito dell’Indire partire da oggi, una mostra fotografica dedicata alla scuola di Giuseppe Lombardo Radice. #FacceCaso. Una mostra foto

Birra, fotocamere e Trump, c’è il TG USA
Photovoice: “Dallo scatto fotografico all’azione sociale”
Fotografia a scuola, l’idea di Marirosa Toscani

Disponibile sul sito dell’Indire partire da oggi, una mostra fotografica dedicata alla scuola di Giuseppe Lombardo Radice. #FacceCaso.

Una mostra fotografica sulla scuola del ‘900? Da oggi è disponibile sul sito dell’Indire.
“Educazione è compenetrazione di anime. Il lavoro per la scuola, la famiglia e gli amici di Giuseppe Lombardo Radice (1879-1938) attraverso le immagini dell’archivio Indire”, un percorso fotografico attraverso la vita del pedagogista italiano resa possibile grazie al suo personalissimo archivio custodito nella sede fiorentina dell’Istituto di Ricerca Indire.

La mostra virtuale è stata interamente curata dalla ricercatrice Indire Pamela Giorgi e dalla dottoressa Irene Zoppi. Un viaggio che ha inizio con le immagini della sua famiglia d’origine, della sua città natale, Catania e della moglie Gemma Harasim fino ad arrivare agli anni Trenta.

La sezione dedicata alla scuola ci racconta il rapporto con questo mondo in tutti i suoi risvolti: insegnate nelle scuole secondarie, professore di pedagogia all’istituto superiore di magistero a Roma, dal 1923 Direttore Generale per l’Istruzione Primaria, incarico durante il quale si occupò di elaborare i programmi della scuola elementare.

Fulcro della visione pedagogica di Lombardo, la creazione di una scuola in cui lo spirito infantile potesse liberamente manifestarsi e la creatività non fosse ostacolata né soffocata dagli adulti ma seguisse un “modello di scuola nuova o attiva in cui al centro si trovano l’attività del bambino, ma anche il maestro con me sollecitatore dell’impegno del bambino”. Ecco qui il link della mostra virtuale: “EDUCAZIONE È COMPENETRAZIONE DI ANIME”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0