Tempo di lettura: 3 Minuti

A Bologna cominciano le lezioni all’aperto

A Bologna cominciano le lezioni all’aperto

Il capoluogo emiliano capofila di un progetto che coinvolge le scuole di tutta Italia. Da Novembre quindi parte l’esperimento nella prima scuola, e la

Disabilità? Nessun problema, ci pensa MyVoices!
La scuola? Facciamola diventare tecnologica!
Sistema scolastico portoghese

Il capoluogo emiliano capofila di un progetto che coinvolge le scuole di tutta Italia. Da Novembre quindi parte l’esperimento nella prima scuola, e la dirigente scolastica Massaro così commenta: “Iniziativa partita dai genitori”

Studiare non solo negli spazi chiusi delle aula, ma anche in luoghi dove si possa respirare a pieni polmoni ed essere irradiati dalla luce del sole. Non è l’utopia di qualche libro sull’educazione, ma un’idea che nasce dalla spinta di genitori, portare geografia, matematica o italiano all’aperto.

Bologna è la prima città italiana a sviluppare concretamente i progetti didattici outdoor, creandone tra l’altro una rete nazionale; i genitori dei bambini dell’istituto comprensivo 12 hanno parlato con la preside Filomena Massaro, proponendo questa piacevole idea: “Visto che avevo già creduto nell’attività all’aperto con la materna , i genitori sono venuti da me e mi hanno chiesto se li aiutavo a promuovere la stessa filosofia anche nella primaria” ha spiegato la dirigente, che poi ha chiamato i colleghi di altri istituti e cercato altre scuole in Italia pronte a seguire questa direzione.

Nasce così la rete nazionale delle scuole all’aperto, incontratesi poche settimane fa con l’assessore Bolognese alla Scuola, Marilena Pillati e l’omonimo di Lucca, altra città dove tale spinta è forte.

Da Novembre quindi si avvierà la sperimentazione, finanziata dal Comune, quando gli alunni potranno cominciare a sfruttare i vantaggi di un’istruzione all’aria aperta. Che dire se non #bellastoria?

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0