Tempo di lettura: 3 Minuti

Dopo il terremoto Camerino riparte dall’Università

La città universitaria è stata una dei centri più colpiti in questi giorni. Il sindaco tra gli studenti sfollati: “È qui la nostra vera forza.” Ancora

Il ministro Giannini concede dieci milioni all’Università di Camerino
Sostegni economici all’università di Camerino dopo il terremoto
Coprifuoco violato, studente di Giurisprudenza annulla la multa dell’amico

La città universitaria è stata una dei centri più colpiti in questi giorni. Il sindaco tra gli studenti sfollati: “È qui la nostra vera forza.”

Ancora caldo il tema del dopo sisma, fase in cui emergono in maniera più definita danni ed eventuali nuovi problemi ( si è parlato di faglia in movimento), ma un luogo in particolare è pronto a ripartire subito, ripartire per una volta dai giovani: Camerino, in cui importante è il suo centro Universitario.

Gli studenti in queste notti sono stati sistemati in un capannone per sfollati, solitamente ricovero per i mezzi di trasporto pubblico, e il sindaco Gianluca Pasqui è andato a sincerarsi della condizione di tutti: “Camerino è l’Università e dall’Università ripartiremo, perché lì c’è la grande forza per far ripartire la città, poi le case le ricostruiamo”.
Oggi Camerino è ferita, con un centro storico avente una sola strada di accesso e uscita, da cui sono stati fatti evacuare oltre 800 studenti e i molti residenti.

Ma lì dove i monumenti e i palazzi sono rimasti lesionati, la ricostruzione deve proprio partire dalla forza dei giovani che popolano questo luogo ricco di storia e cultura.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0