Tempo di lettura: 1 Minuti

Voleremo davvero gratis con Ryanair?

Voleremo davvero gratis con Ryanair?

L’annuncio del patron O’Leary è forte e fa discutere, ma quanta verità c’è dietro un futuro di aerei free? Sta circolando all’impazzata l’ultima dichi

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di Roberto Benatti
Bright Magus, ecco il nuovo brano in collaborazione con Enrico Gabrielli
Google va ad Udine per un progetto di ricerca

L’annuncio del patron O’Leary è forte e fa discutere, ma quanta verità c’è dietro un futuro di aerei free?

Sta circolando all’impazzata l’ultima dichiarazione di Michael O’Leary, fondatore e proprietario della compagnia di voli low cost Raynair: vuole portare i biglietti a zero, far si che viaggiare non costi, “Ho questa visione che fra 5 o 10 anni non si pagherà niente per viaggiare con la RyanAir” ha detto, spiegando anche che i ricavati arriverebbero dagli indotti di ristoranti, caffè e negozi degli aeroporti, una divisione dei guadagni resa possibile incrementando notevolmente il traffico aereo. Sembra una sorta di cerchio, dai i biglietti gratis, invogli notevolmente a viaggiare, i clienti arrivano all’aeroporto e possono spendere molto di più nei duty free, divisione di queste entrate tra titolari e compagnia aerea, a cui aggiungere i vari guadagni extra.

Tutto molto bello, sogno di ogni essere umano, ma è davvero pensabile qualcosa del genere? I problemi non sono pochi, primo perché trattandosi di un’idea non è detto che i proprietari di aeroporti e negozi siano disposti a fare questa divisione, molti aeroporti avrebbero bisogno di ingrandire il proprio reparto duty free come un centro commerciale, e O’Leary è anche lo stesso che tempo fa voleva far pagare la toilette ai passeggeri…

Ma il vero grande ostacolo appare insormontabile: le tasse aeroportuali, che al momento coprono un’importante fetta dei costi di biglietto. Il problema è stato sottolineato tante volte dalla stessa Ryanair, e ancora non si può avere una soluzione. Ecco quindi che l’idea è bellissima, ma non speriamoci troppo, i tempi potrebbero essere più lunghi del previsto, e O’Leary stia attento a fare i conti senza l’oste.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0