Tempo di lettura: 2 Minuti

Istat: scende la disoccupazione giovanile

Cala la percentuale che più ci preoccupa: arriva ai livelli del 2012. Ci sono buone notizie oggi sul fronte della disoccupazione giovanile. Il tasso d

Nelle università inglesi si vuole sentire parlare ancora d’Europa!
Lavorare in Italia: impresa impossibile per noi?
Disoccupazione? No grazie! La soglia del dolore non è mai stata così vicina

Cala la percentuale che più ci preoccupa: arriva ai livelli del 2012.

Ci sono buone notizie oggi sul fronte della disoccupazione giovanile. Il tasso dei ragazzi attivi, ovvero chi sta cercando un lavoro ma non l’ha ancora trovato, è del 36,4%.
Sembra alto, lo so. In realtà per trovare una cifra così bassa bisogna tornare a quattro anni fa, precisamente ad Ottobre 2012.

I dati arrivano dall’Istat, che rivela anche che mettendo in relazione il 36,4% e il numero totale dei giovani tra i 15 e i 24 anni, circa un ragazzo su dieci è disoccupato. #moltobene

Perché? Semplice, perché tutti gli altri sono considerati inattivi, ovvero i ragazzi che hanno scelto solo di studiare oppure di non cercare lavoro.
Il tasso di disoccupazione in questo caso è riuscito a scendere circa dello 0,4% rispetto a Settembre 2016 mentre quello di inattività è cresciuto dello 0,2%.

Daje!

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0