Tempo di lettura: 2 Minuti

Safer Internet Day: diciamo stop al bullismo

Oggi, 7 febbraio, è la giornata contro il "bad-web". Oggi è la giornata per una rete più sicura, anche chiamata Safer Internet Day (SID). Questa campa

Apple ammette di rallentare i vecchi iPhone
Abbiamo il tweet da record
Eurostat boccia l’Italia: penultima in Ue per percentuale laureati

Oggi, 7 febbraio, è la giornata contro il “bad-web”.

Oggi è la giornata per una rete più sicura, anche chiamata Safer Internet Day (SID).
Questa campagna di sensibilizzazione ai rischi di internet è stata istituita nel 2004 dall’Unione Europea e ricorre ogni martedì della seconda settimana di febbraio.
Il progetto è nato dall’osservazione dei dati, sempre più preoccupanti, dei pericoli e dell’uso di internet, dove il tasso di utenza giovanile aumentava a dismisura. Infatti è proprio ai più giovani che è rivolta la giornata, oltre che ai genitori.

Ad oggi l’iniziativa coinvolge oltre 100 paesi, fra cui l’Italia, ognuno con un proprio centro SID di riferimento.
Lo slogan di quest’anno è “Be the change: unite for a better internet”, cioè “Siate il cambiamento: uniti per un Internet migliore”. Questo è il messaggio che deve arrivare ai ragazzi, soprattutto dopo tutti gli episodi di cyberbullismo che hanno pervaso l’anno passato.

Generazione Connesse coordina il Safer Internet Center (SIC) in Italia ed insieme al Miur, al Telefono Azzurro, a Save the Children Italia, la Polizia Postale e tante altre associazioni che hanno a cuore la sicurezza dei bambini e degli adolescenti, ha organizzato il SID e la prima giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo.

L’evento si svolgerà a Roma negli spazi dell’ex caserma Guido Reni, in Via Guido Reni, e i protagonisti saranno proprio gli studenti. In particolare i mille studenti che oggi saranno presenti all’ex caserma,dove verrà celebrata la prima giornata contro il bullismo e il cyberbullismo chiamata “Un Nodo Blu-le scuole unite contro il bullismo”. Durante questa giornata ci saranno dibattiti, workshop e laboratori in cui si dirà no al bullismo, alla pedo-pornografia, al sexting e a tutte quelle insidie che si celano nel web.

Ma il Safer Internet Center è attivo tutto l’anno e si impegna in numerose iniziative.
Ne è un esempio il Vademecum, una guida operative che aiuta a conoscere ed orientarsi nel mondo delle tecnologie e delle sue eventuali problematiche. È reperibile online e al suo interno, oltre alla descrizione dei pericoli in cui si può andare in contro con l’utilizzo di internet, ci troviamo i contatti dei servizi a cui poterci rivolgere a livello regionale.

Un aspetto su cui il SIC si concentra molto è l’educazione dei bambini. Ci sono numerosi progetti indirizzati a questa fascia d’età, ma il più popolare è “I 7 Super-Errori”.
Questa iniziativa si basa sulla creazione di 7 personaggi a fumetti che incarnano ognuno una cattiva abitudine legata al web, che alla lunga può diventare pericolosa, e a contrastare questi antieroi abbiamo le “Tre Armi Segrete”.

Per il SIC la chiave con la quale arrivare ai ragazzi è: parlare con il loro linguaggio.

Di Chiara Caporali

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0