Tempo di lettura: 2 Minuti

L’Internet Movie Database ha bloccato i commenti

L’Internet Movie Database ha bloccato i commenti

IMDb, il più famoso sito di cinema e dati dei film, ha deciso di non permettere più agli utenti di utilizzarli. Motivo? “Non forniscono più un'esperie

Eat & Joy: una svolta per la pausa pranzo… FacceCaso!
Web, che numeri! 42 milioni di messaggi, 347mila storie postate ogni minuto!
Big Data al centro del Consorzio tra Alma Mater di Bologna, Politecnico di Milano e Fondazione Golinelli

IMDb, il più famoso sito di cinema e dati dei film, ha deciso di non permettere più agli utenti di utilizzarli. Motivo? “Non forniscono più un’esperienza utile e positiva”.

Alcuni la chiamerebbero complottisticamente “censura”, altri dittatura del web, ma in verità è assoluta discrezione di un sito internet decidere se i propri contenuti possano essere commentati o meno. Così ha deciso di fare IMDb, “Internet Movie Database”, togliendo l’opportunità che prima in effetti c’era.

Il motivo è stato spiegato in un comunicato che recitava: “ i commenti non forniscono più un’esperienza utile e positiva per la grande maggioranza dei nostri 250 milioni di utenti mensili in tutto il mondo”, e così dal 20 febbraio ogni forma di conversazione, inclusi i messaggi privati tra gli utenti, sarà disabilitata. Il sito è senza dubbio il più seguito ed utilizzato per quanto riguarda il mondo del cinema e l’analisi delle informazioni per ogni film esistente, perché come dice il nome è una gigantesca enciclopedia di questo mondo. La scelta, già molto criticata, è stata presa dopo un lungo e approfondito studio, non certo una scelta di imputarsi casualmente contro gli utenti, ma perché ormai sono preferite le pagine su Facebook e Twitter per rilasciare i commenti, e quindi si trattava di un utilizzo inutile e sempre meno influente.

Alla fine per quanto tale scelta ora faccia discutere, finirà per essere accettata da tutti e scivolare nel dimenticatoio, come se i commenti non fossero mai esistiti. Del resto la memoria digitale, soprattutto degli utenti, è molto corta.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0