Tempo di lettura: 3 Minuti

Giovani eccellenze italiane nella ricerca!

Giovani eccellenze italiane nella ricerca!

Sono due giovani Italiani i vincitori di un ambito premio per la ricerca sul virus dell’Hiv. Andrea Calcagno di Torino e Antonella Santoro di Modena

Concorso flop 2016
Il concorso fotografico promosso dall’ANSA ha i suoi vincitori: prima una 18enne
Al via il concorso per i professori

Sono due giovani Italiani i vincitori di un ambito premio per la ricerca sul virus dell’Hiv.

Andrea Calcagno di Torino e Antonella Santoro di Modena sono i due giovani ricercatori italiani che hanno vinto il premio Croi- Icar Awards 2017.

Quest’ultimo è stato ideato da Guido Silvestri, un Italiano che ora è alla direzione del Centro di ricerca sui primati, con l’intento di motivare sempre di più la ricerca sull’Hiv. Silvestri ha infatti ha dichiarato: “L’idea è quella di stimolare i giovani alla ricerca e di farli sentire parte di una comunità internazionale”.
Le motivazioni per le quali i due ragazzi hanno vinto questo ambito premio sono le seguenti:

Andrea ha scoperto che nelle cellule olfattive del sistema nervoso vi è la presenza del virus dell’Aids, mentre Antonella ha riscontrato che vi sono dei problemi di respirazione nei portatori del virus Hiv, pur non essendo essi dei fumatori.

La giuria internazionale che ha assegnato il premio lo ha fatto da Seattle, ma in maniera concreta esso verrà assegnato ai due ragazzi a Siena in occasione dell’incontro Icar, l’Italian Conference and Antiviral Research, a giugno.
L’eccellenza italiana non finisce qui perché oltre ad Andrea ed Antonella c’erano altri 15 giovani ricercatori italiani, tutti di età inferiore ai 40 anni, che concorrevano per la vittoria, ma hanno ricevuto comunque la possibilità di partecipare al Croi, il convegno sui retrovirus, durante il quale hanno potuto esporre le proprie ricerche davanti ad una maggioranza di esperti su scala mondiale.
Purtroppo questa malattia infettiva non è ancora fra quelle che possono essere definitivamente sconfitte, ma dei giovani così promettenti nell’ambito della ricerca sono comunque un bel segnale, seppur piccolo, per la malattia, per l’Italia e per tutti noi.

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0