Tempo di lettura: 2 Minuti

Premio Nazionale Insegnanti: ecco i 5 vincitori

La ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli ha oggi annunciato i nomi dei cinque vincitori del Premio Nazionale Insegn

Un Facebook Lite per tutti i telefoni, anche in Italia
Sfida intercontinentale tra Università: Europa batte Usa 105 a 95
Pantaloni, connessioni e cannabis, notizie scoppiettanti al TG USA

La ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli ha oggi annunciato i nomi dei cinque vincitori del Premio Nazionale Insegnanti.

Questo è il primo anno in cui è stato introdotto questo premio ed i risultati sono frutto di un lungo lavoro.

L’obiettivo è quello di premiare i docenti che si sono più contraddistinti rispetto agli altri sia ovviamente per la loro tecnica didattica e la loro capacità di insegnamento, ma anche e soprattutto per essere degli insegnati che sappiano leggere oltre le righe e sappiano avvicinarsi alle necessità ed al mondo dei ragazzi.

Forse un po’ come fa Robin Williams ne “l’attimo fuggente”. Certo quello è un film, ma sicuramente anche nella nostra scuola esistono degli insegnanti capaci di far appassionare gli studenti alla materia e contemporaneamente capaci di farsi voler bene. I partecipanti alla selezione potevano autocandidarsi oppure potevano essere candidati da colleghi, alunni e famiglie, presentando la domanda al ministero.

Sono giunte infatti 11000 domande e una squadra diretta da Valeria Fedeli ha dovuto svolgere un’attenta selezione e scegliere i primi 50. Da qui una seconda giuria, composta dalla presidente della Rai Monica Maggioni, dal professor Nando Dalla Chiesa e dallo scrittore ed insegnante Eraldo Affinati, ha scelto i primi cinque vincitori che si aggiudicheranno: il primo 50000 euro mentre gli altri quattro 30000. Il denaro della vittoria verrà consegnato direttamente alle scuole presso le quali i vincitori lavorano e saranno investiti per progetti formativi ed iniziative scolastiche.

  1. Al primo posto si è posizionata una donna, Annamaria Berenzi, insegnante di matematica presso un ospedale di Brescia.
  2. Il secondo posto spetta invece alla docente di matematica presso un carcere di Catania Daniela Ferrarello, anche ricercatrice.
  3. Anche la terza posizione del podio si tinge di rosa perché ad aggiudicarsela è la docente di italiano presso il carcere minorile di Nisida Consolata Maria Franco.
  4. Al quarto e al quinto posto invece troviamo due uomini, rispettivamente Dario Gasparo e Antonio Silvagni. Il primo insegna scienze in un istituto comprensivo di Trieste mentre il secondo latino e le materie letterarie in un istituto superiore di Arzignano, in provincia di Vicenza, ed ha mostrato tutta la sua dedizione all’insegnamento continuando a svolgere la propria professione pur essendo diventato cieco.

Bellissimi esempi di insegnamento che speriamo possano diffondersi sempre di più all’interno delle nostre scuole. Non è che vogliamo proprio che tutti insegnanti siano come Robin Williams, che faceva salire gli alunni in piedi sui banchi a recitare poesie, ma forse avvicinarcisi un pochino non ci farebbe male. #FacceCaso.

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0