Tempo di lettura: 2 Minuti

Progetto SUN: il cyberbullismo affrontato e combattuto dai giovani

Progetto SUN: il cyberbullismo affrontato e combattuto dai giovani

A Savona gli studenti del Mazzini Da-Vinci hanno inventato un progetto per aiutare i loro coetanei nell’affrontare il cyberbullismo. Progetto SUN,

Altro caso di fenomeno bullismo a Roma
L’Olanda lancia il mindfulness, il bullismo si combatte col buddhismo?
Bullizzato dallo staff della scuola: in Texas scoppia il caso Juelz

A Savona gli studenti del Mazzini Da-Vinci hanno inventato un progetto per aiutare i loro coetanei nell’affrontare il cyberbullismo.

Progetto SUN, un progetto nato dagli studenti per gli studenti. Nell’Istituto superiore di secondo grado “Mazzini Da-Vinci” di Savona i ragazzi hanno ideato un nobilissimo progetto che ha come scopo quello di combattere il bullismo ed il cyberbullismo.

L’idea nasce dal fatto che spesso e volentieri le vittime di bullismo si vergognano o si sentono intimiditi nell’aprirsi con gli adulti. Ecco allora che la sensibilità dei giovani trova una soluzione al problema. Nasce la figura del tutor. I tutor sono studenti volontari che vengono formati da un’insegnate e preparati a saper ascoltare le storie dei loro coetanei e poterli aiutare.

Il progetto SUN, acronimo di “Smart Use of Network” il 16 maggio è stato l’oggetto di una presentazione ad hoc presso l’istituto Mazzini Da-Vinci di Savona; ora, l’idea partita dagli studenti conta della collaborazione della Regione Liguria, e dell’Ufficio Scolastico Regionale. L’obiettivo è quello di formare una squadra di studenti preparati che sappiano essere dei punti di riferimento per i loro coetanei sia all’interno della scuola sia fuori, e che siano a conoscenza delle tematiche di base della sicurezza in rete.

Credo che in un ambiente sempre più competitivo come quello delle nostre scuole, un progetto del genere nel quale i giovani mettono a disposizione il loro tempo, per aiutare altri giovani, sia ammirevole. È bello vedere come questo sia stato apprezzato anche dalle istituzioni che hanno deciso di appoggiare l’iniziativa.

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0