Tempo di lettura: 3 Minuti

RoboCup: l’istituto Giorgi salta la finale mondiale per mancanza di fondi

RoboCup: l’istituto Giorgi salta la finale mondiale per mancanza di fondi

Possibile che il Miur non abbia trovato 14mila euro da dare a questi ragazzi? #FacceCaso. L’istituto tecnico-tecnologico Giorgi di Brindisi ha costru

Manuale genitori-figli: come vivere nell’era digitale
Il sorpasso degli altri social su Facebook
L’iPhone rosso è la nuova furbata Apple

Possibile che il Miur non abbia trovato 14mila euro da dare a questi ragazzi? #FacceCaso.

L’istituto tecnico-tecnologico Giorgi di Brindisi ha costruito il miglior robot fra le scuole italiane durante questo anno scolastico. L’automa era pronto per partire verso Nagoya, Giappone, insieme ai suoi ideatori, per le finali mondiali della RoboCup Jr in programma dal 27 al 30 luglio.

Tutto bellissimo se non fosse che i tre vincitori del progetto sono rimasti a casa. Impossibile trovare 14mila euro per pagare l’iscrizione alla fase finale della RoboCup e il viaggio anche per i due professori che hanno supervisionato la progettazione.

“In un momento come questo, la scuola non poteva sobbarcarsi la spesa. Con quei soldi rinnovo un laboratorio per tutti i miei alunni. Non posso permettermi di impegnare così tante risorse in un viaggio. Sono costretta ad ottimizzarle. Sto comprando 100 sedie, altrimenti non saprei dove far sedere i nuovi studenti a settembre”. Ha spiegato la preside Maria Luisa Sardelli.
A quanto pare la RoboCup non rientra nel Programma nazionale di valorizzazione delle eccellenze grazie al quale “il Miur sostiene le studentesse e gli studenti più meritevoli”.

Possibile che il Miur non abbia trovato 14mila euro da dare a questi ragazzi?

Sardelli “era consapevole che le spese sarebbero state a nostro carico”. La preside ha dichiarato. “Ho trovato un finanziamento da parte di un’azienda, ma copriva solo la metà della spesa”. L’ultima spiaggia “in anni di grande difficoltà per le casse delle scuole” erano le famiglie degli studenti. “Ho scelto di non chiedere soldi ai loro genitori, credo che non sia giusto”. E a rimetterci, ancora una volta, sono stati gli studenti.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0