Tempo di lettura: 2 Minuti

USA: Trump teme la discriminazione contro gli studenti bianchi

USA: Trump teme la discriminazione contro gli studenti bianchi

A rischio i programmi di ammissione che tutelano le ragazze e i ragazzi neri e ispanici. Sono in tanti a temere che con le politiche di Trump a pagare

Professori: le gaffe della maturità
Assunzioni in arrivo: 800 nuovi insegnanti di ruolo nelle Marche

L’Università di Perugia lancia un corso in Design di “Altissima qualità”



A rischio i programmi di ammissione che tutelano le ragazze e i ragazzi neri e ispanici. Sono in tanti a temere che con le politiche di Trump a pagare saranno i più deboli. #FacceCaso.

Il principio internazionale che mira a ristabilire e promuovere i principi di uguaglianza razziale negli Stati Uniti rischia di creare l’effetto contrario.

Questa volta, secondo un’indagine di Washington, la cosiddetta “azione positiva” che intende rimediare agli effetti della discriminazione attraverso quote riservate a favore del gruppo che si vuole tutelare, è stata attaccata dal governo.

A rischio i programmi di ammissione che tutelano le ragazze e i ragazzi neri e ispanici.
Sono in tanti a temere che con le politiche di Trump a pagare saranno i più deboli. Il documento ritrovato non fa esplicitamente riferimento alle categorie a rischio discriminazione, ma l’uso delle parole ‘discriminazione deliberata basata sulla razza’ non lascia ben sperare. L’intenzione è quella di colpire i programmi che rendono le università accessibili anche ai più disagiati.

Dan Losen, avvocato a capo del centro dei Diritti umani all’università di Los Angeles, ha dichiarato che l’iniziativa è preoccupante.

“Questo è un ulteriore esempio di come l’Amministrazione stia disintegrando il dipartimento di Giustizia. Cosa ci potevamo aspettare da un presidente che fa affermazioni apertamente intolleranti nei confronti dei giudici messicano-statunitensi, delle donne e impone un bando in base al credo religioso?”.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0