Tempo di lettura: 2 Minuti

Servizio Civile Nazionale: ma cos’è?

Servizio Civile Nazionale: ma cos’è?

Matteo Renzi ha parlato di Servizio Civile Nazionale, vediamo cos’è e come funziona.   Tanti miei compagni, dopo il liceo hanno rinunciato al

Il MIUR colpisce ancora, la Top 3 delle gaffe memorabili
Martina, il tumore e l’umanità dei piccoli gesti
Il latino per scrivere bene

Matteo Renzi ha parlato di Servizio Civile Nazionale, vediamo cos’è e come funziona.

 

Tanti miei compagni, dopo il liceo hanno rinunciato alla carriera universitaria e si sono buttati in un’avventura, quella del Servizio Civile Nazionale. Un’avventura che molti hanno definito bellissima ma estremamente dura. Quella che l’ex-premier, Matteo Renzi ha nominato qualche giorno fa, alla festa del PD, affermando che tutti i giovani dovrebbero fare un’esperienza del genere.

 

In cosa consiste?

Il Servizio Civile Nazionale (SCN) è una sezione della Presidenza del Consiglio dei Ministri inserita nel dipartimento della Gioventù. È un servizio offerto dallo stato a dei giovani volontari che vogliono sia fare un’esperienza di vita e sia arricchire il proprio curriculum.

I punti cardine sono quelli di difesa della patria, non con mezzi militari ovviamente ma con quelli sociali, potendo lavorare alla salvaguardia del paese. Ma anche partecipare alla tutela del patrimonio artistico e naturale italiano; tutto questo per formare dei giovani rispetto qualsiasi situazione.

 

Come si partecipa?

Innanzitutto bisogna informarsi sui progetti presenti, in Italia e all’Estero. Per farlo basta andare sul sito del Servizio Civile Nazionale, dove si trovano i bandi. La ricerca è molto semplice, basta selezionare regione e provincia nel caso dell’Italia e in quale stato lavorare nel caso dell’estero. In entrambi i casi bisogna scegliere il settore di appartenenza: vanno dalla semplice Protezione Civile all’Educazione e Promozione culturale. Non è necessario essere cittadino italiano, si può partecipare anche essendo cittadino europeo o semplicemente soggiornare in Italia.
È direttamente rivolto ai giovani, dato che si può partecipare dai 18 anni ai 28.

Tanti sono i progetti, vengono proposti ogni anno da enti regionali o esteri e permettono a più di 1300 ragazzi l’anno di partire e di fare qualcosa di concreto. Ah, ci sono due bandi che non sono ancora scaduti, se vi interessa, iscrivetevi!

#FacceCaso

di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0