Tempo di lettura: 1 Minuti

La Moda del Caso: Christmas Jumper

La Moda del Caso: Christmas Jumper

Siccome siamo nel pieno delle feste, mi sembrava doveroso parlare del mitico Christmas Jumper, il maglione di Natale! Anche se 24 e 25 sono passati è

Ai posteri l’ardua sentenza: il sardo nelle scuole
I ragazzi palestinesi lasciano la scuola
Università, in Regno Unito istruzione si legge prostituzione

Siccome siamo nel pieno delle feste, mi sembrava doveroso parlare del mitico Christmas Jumper, il maglione di Natale! Anche se 24 e 25 sono passati è giusto che venga riesumato: tanto, è buono (forse) fino alla Befana, FacceCaso!

È caldo, comodo, colorato, di fantasia, usato e riusato, largo, stretto, con scollo a V o a girocollo ma, non si può dire che la maggior parte delle volte sia un piacere per gli occhi. Sto parlando del Christmas Jumper, il brutto e
amato maglione di Natale.

Il Christmas Jumper, è un caro amico (ma anche nemico) del Natale. Vive una volta all’anno e con il passare del tempo diventa sempre più kitsch. Non lo consideriamo mai, la sua residenza è il posto più remoto dell’armadio, sa ancora dello scorso Natale, ma tra il 24 e il 25 dicembre sembra sia l’unica cosa che vogliamo indossare.

Uno dei più famosi, se non il più famoso, è quello di un film non proprio in prima visione, “Il Diario
di Bridget Jones”
. Infatti una delle cose che ci ha insegnato è che i maglioni con le renne non
sempre sono la soluzione migliore. Le renne, non sono le uniche ad apparire in questi fantastici maglioni, Babbo Natale e tutta la troupe non possono che accompagnare.

Sempre per rimanere sul kitsch, oltre che, ai disegni e ai fiocchi di neve che li circondano,
i mitici maglioni, grazie al museo di Madame Tussauds, sono diventati parte integrante della famiglia reale
inglese, che per il Natale 2017, è stata, più che vestita, addobbata per l’occasione
, regalando al
pubblico una cartolina di Natale che gira le spalle al galateo.

È come una divisa. Si presenta ogni anno, come il pigiama si presenta ogni notte. Ad alcuni piace ed altri no, ma di certo, è il capo più natalizio che esista, spesso anche tono su tono con l’albero, con la tovaglia e con la carta regalo.

In fondo, le feste come il Natale, servono anche per vestirsi ogni tanto all’insegna del cattivo gusto, che a volte, a piccole dosi non fa male.

Vigilia e Natale sono stati i giorni perfetti! Se lo avete, mi auguro che lo abbiate sfoggiato, se non lo avete, andate a comprarlo e vedrete che anche alla Befana andrà più che bene!
Buone feste da una che l’ha appena indossato.

#FacceCaso

Di Anna Foddai

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0