Tempo di lettura: 1 Minuti

Politici e istruzione: la forza della campagna elettorale

Politici e istruzione: la forza della campagna elettorale

Siamo in piena campagna elettorale e i politici brandiscono programmi facendo qualsiasi promessa: c'è posto anche per l'istruzione? Anche il mondo de

#INSIDEUSA2020
Brasile: Jair Bolsonaro vuole militarizzare le scuole! Sarà vero?!
Elezioni Luiss: intervista a Francesco Gerli, candidato al CSU lista UniVerso Studenti

Siamo in piena campagna elettorale e i politici brandiscono programmi facendo qualsiasi promessa: c’è posto anche per l’istruzione?

Anche il mondo dell’istruzione, la scuola, l’università e la ricerca appaiono con futuri rosei nei lunghi programmi dei politici, salvo poi dover aspettare il post elezioni.

Anche quest’anno il gioco si ripete: ma quale è il vero rapporto tra politica ed istruzione negli ultimi anni in Italia?

A tornare sull’argomento, su cosa la politica abbia fatto fino ad ora, è Gianmaria Ajani, rettore dell’Università di Torino, in un’intervista a “La Stampa”. “Nei programmi vengono riprese tematiche già annunciate nel 2013. “Da allora non abbiamo fatto grandi passi in avanti – ha affermato Ajani -. Si tratta di una retorica che emerge a ogni tornata elettorale ma non esce mai dalle pagine di programmi letti da pochi elettori. Non si riesce mai a far entrare certi temi fondamentali nel dibattito ‘caldo’ della politica“.

In effetti, negli ultimi anni, i politici non hanno fatto altro che tagliare finanziamenti, ridurre le attività di ricerca universitaria, ridurre il personale (dallo staff ai docenti), accorpare il ministero della scuola a quello dell’università e della ricerca (creando numerosi problemi), trascurare la gestione delle strutture.

Il risultato è davanti agli occhi di tutti: un paese che da sempre fa della cultura uno dei suoi punti forti che si ricorda della scuola e dell’università soprattutto quando serve alla politica. E se non ci fossero nemmeno le elezioni? Probabilmente di istruzione, scuola e università i politici non ne parlerebbero nemmeno, se non a seguito di eventi spiacevoli quali crolli di controsoffitti, violenze scolastiche, scandali di evasione di tasse universitarie e raccomandati che tagliano corto per diventare professori.

Cosa dovrebbero fare secondo voi i politici per la scuola, l’università e la ricerca? Cosa inserireste assolutamente in un vostro ipotetico programma elettorale?

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0