Screenshot delle Stories, ecco come evitare di essere scoperti

Screenshot delle Stories, ecco come evitare di essere scoperti

Gli screenshot sono la nuova battaglia di Instagram. Con l’ultimo aggiornamento essi possono essere conosciuti a chi ha pubblicato la storia. Ma si pu

Quando è troppo è troppo: WhatsApp torna ai vecchi status
Netflix e gli altri condivisibili su una piattaforma. Metodo illegale o sharing geniale?
L’Internet Movie Database ha bloccato i commenti

Gli screenshot sono la nuova battaglia di Instagram. Con l’ultimo aggiornamento essi possono essere conosciuti a chi ha pubblicato la storia. Ma si può truffare il sistema…

Abbiamo parlato qualche giorno fa dell’ultimo aggiornamento di Instagram sugli screenshot delle stories. Tutti si sono sentiti smascherati, poiché la nuova app permette di vedere chi ha salvato la foto da 24h che viene pubblicata.
Nessuna possibilità quindi di “staliking”, curiosità o pettegolezzo, a meno che sia qualche grosso profilo e sia ininfluente. Subito il panico, per un aggiornamento sotto sotto sgradito a moltissimi.

Infatti è capitato a chiunque di salvarsi una foto perché ritenuta interessante o perché si voglia mostrare su qualche gruppo Whatsapp. Sia chiaro, ad apparire è solo un simboletto accanto al nome di chi ha visualizzato e catturato l’immagine. Invece mandando la foto in direct lo stesso screenshot viene proprio segnalato da una notifica.

Però, calmi tutti, c’è qualche espediente che permette di aggirare il problema e screenshottare liberamente. Almeno fino a quando Instagram non capirà come impedirlo…
Se credevate infatti di non poter sfuggire ai nuovi sceriffi del social, vi sbagliavate, e potrete far ricorso a questi tre stratagemmi.

  1.  Mettere lo smartphone in modalità aerea o senza dati cellulare. Se andrete sulla stessa storia potrete recuperarvela passando per impuniti. All’altro utente non riuscirà ad arrivare la segnalazione.
  2. Utilizzare Instagram Desktop e fare la cattura da computer. Per questa versione non è stato ancora previsto un aggiornamento, quindi utilizzabile finché (probabile) verrà cambiata.
  3. Esistono già alcune app (eh sì, l’occasione fa l’uomo ladro si potrebbe dire) sia per Android che per iPhone con cui potete scaricare tutto in modo anonimo.

Insomma, la vostra sete di pettegolezzo è in salvo, almeno per ora…

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0