Tempo di lettura: 2 Minuti

Millie: la gat-professor dell’università di Chester

Millie: la gat-professor dell’università di Chester

Millie è la nuova professoressa dell’Università di Chester che si occupa del benessere degli studenti. Ah, è un simpatico gatto. Qualche tempo fa nel

Risultati delle prove Invalsi. Ecco il quadro del sistema scolastico italiano
Mazzette all’università di Genova
Diamo un’arma al prof!

Millie è la nuova professoressa dell’Università di Chester che si occupa del benessere degli studenti. Ah, è un simpatico gatto.

Qualche tempo fa nella mia università, soprattutto nell’aula studio principale, girava un gatto che tutti coccolavano. Faceva un po’ una pet therapy per curare l’ansia e un po’ rubava i posti caldi in aula. Oggi si è scoperto che non è solo una caratteristica della mia università, anzi. Millie è diventata una mascotte dell’Università di Chester, in Regno Unito.

Ma lei non si limita solo all’aula studio, come faceva il nostro gatto. Millie va in giro per i corridoi, sale sulle sedie, sta nelle aule e sta anche in cattedra. Fa la professoressa insomma, alleggerendo l’ansia che potrebbe essere respirata nei corridoi di un’università soprattutto nel periodo delle scadenze. Millie partecipa anche alle riunioni dei professori e si fa coccolare da tutti, studenti e impiegati, donando il sorriso in giro. 

È un fatto casuale ma che evidenzia l’importanza del rapporto con gli animali durante il corso di studio, e nelle situazioni di grande stress. Ci sono anche delle università, come la Federico II di Napoli, che ne ha fatto una materia per un master, precisamente parliamo di Zooantropologia sanitaria (ve ne avevamo parlato qui).

La Pet therapy ha ormai una storia trentennale, con il primo istituto aperto nel 1981 negli Stati Uniti e da qualche giorno è anche all’interno delle università. Soprattutto in quella di Chester, dove Millie tiene a bada l’ansia di tutti e fa un vero e proprio servizio alla comunità. È parte integrante dell’istituzione e di sera, finito il suo compito, torna a casa dalla sua padrona e si ripresenta al lavoro la mattina dopo, pronta a salvare le vite di tantissimi studenti con il suo pelo morbido.

In effetti servirebbe anche a me, gatto dell’aula studio, dove sei? Ora vado a cercarlo.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0