Design del Caso: Formafantasma, talento italiano all’estero

Design del Caso: Formafantasma, talento italiano all’estero

Dalla moda all'architettura, dal cibo al design. Ancora una volta il talento di due ragazzi rigorosamente italiani fa colpo in un paese straniero. I F

Salvini contro la Cattolica: “Ci hanno censurato”
Scuola, aule spoglie e incolori? Forse è meglio così
Un’arte tutta “da toccare”: Roma sconfigge le barriere delle disabilità sensoriali

Dalla moda all’architettura, dal cibo al design. Ancora una volta il talento di due ragazzi rigorosamente italiani fa colpo in un paese straniero. I Formafantasma si stabiliscono ad Amsterdam.

Andrea Trimarchi e Simone Farresin, con la loro Formafantasma, specializzati in design del prodotto, decidono di fondare il loro studio e di portare il loro talento in un paese straniero, dove il loro marchio italiano è immediatamente riconoscibile. I due giovanissimi ragazzi in un periodo di incertezza economica e lavorativa nel nostro paese decidono di proseguire il loro percorso iniziato a Firenze all’Istituto di design Isia, in Olanda. Frequentano il Master alla Design Academy di Eindhoven e qui mostrano tutto il loro talento. Si laureano nel 2009 e da quell’anno a oggi le loro esperienze crescono esponenzialmente.

Il loro design è caratterizzato dalla ricerca e dalla sperimentazione dei materiali, dalla relazione costante tra tradizione e cultura locale, dalla critica alla sostenibilità. I loro prodotti diventano così mezzi di comunicazione e di cultura. Lasciano parlare i materiali e la loro trasformazione, si lasciano andare all’imprevedibilità di questi senza mai prefissare degli obiettivi. Sono liberi di ricercare.

Lo stesso nome Formafantasma rivela l’essenza di ciò che si nasconde sotto la superficie e la forma degli oggetti. Non è più il prodotto in sé ad essere al centro dell’attenzione ma lo diventano il processo e la ricerca concettuale. Il dialogo è l’elemento di partenza per fondere insieme le idee e il talento di entrambi.

Dalla collaborazione con Fendi e Maxmara, Lexus e Flos, ai partner Galleria Giustini – Stagetti e Galleria O. Roma, le loro collezioni sono state acquistate e presentate in tutto il mondo. Per citare solo alcuni dei più importanti musei, hanno esposto al New York’s MoMa, London’s Vitoria and Albert, New York’s Metropolitan Museum, MUDAC Lausanne, MAK Museum di Vienna.

Hanno abbandonato l’Italia o hanno allargato i loro orizzonti?

Giudicatelo curiosando tra i loro magnifici lavori tutti firmati Italia.

#FacceCaso

Di Margherita Issori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0