Tempo di lettura: 1 Minuti

Ex Caserma Guido Reni, dal 1 maggio addio al temporary district

Ex Caserma Guido Reni, dal 1 maggio addio al temporary district

Il Guido Reni district non esisterà più nella forma con cui l’abbiamo conosciuto. L’area al Flaminio ha terminato il periodo di allestimento temporane

Il problema di genere dell’università
Venti ragazzi nella direzione nazionale del PD, la scelta di Renzi
5 progetti al femminile per l’Università del Crowdfunding

Il Guido Reni district non esisterà più nella forma con cui l’abbiamo conosciuto. L’area al Flaminio ha terminato il periodo di allestimento temporaneo e verrà presto trasformato.

Molti saranno negativamente colpiti da questa notizia, ma in verità era cosa risaputa da tempo.
Il Guido Reni district, situato nell’Ex Caserma Guido Reni del quartiere Flaminio, da maggio in poi non ospiterà più eventi culturali, musicali, mostre.

Cassa Depositi e Prestiti, proprietaria dei 72 mq dell’ex caserma, non rinnoverà il contratto di Ninetynine Urban Value, società che da due anni gestisce gli spazi allestendo eventi vari.
Ma si sapeva che questa face di intrattenimento fosse una riattivazione temporanea dell’area, non l’utilizzo finale.
A maggio scadono i termini e le situazioni sono due: o viene parzialmente prorogato (qualche altro mese) o i lavori di trasformazione partono immediatamente.

Infatti un progetto architettonico dello studio Viganò ha vinto il bando per la progettazione nel 2015. Si prevedono un mix di residenziale, commerciale e alberghiero oltre a spazi pubblici. Questa la ripartizione: 35 mila metri quadri per residenze, 14 mila metri quadri per attrezzature pubbliche e di quartiere e quasi 27 mila la Città della Scienza.

Se vi mancherà il Guido Reni District insomma, avete ancora due settimane per godervelo come lo avete conosciuto.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0