Tempo di lettura: 3 Minuti

SmartLens : arriva Shazam per il mondo visivo

SmartLens : arriva Shazam per il mondo visivo

Per adesso l’app scansiona 18mila oggetti, dai mobili agli animali. Insomma, una specie di Wikipedia visiva.  #FacceCaso. SmartLens è un’app creata d

Rebibbia 24, dietro le quinte dell’arte in carcere
Sentiero Italia: tre ragazzi sognano di riaprire il percorso di trekking più lungo al mondo
Al salone del mobile con QUASAR DESIGN UNIVERSITY!

Per adesso l’app scansiona 18mila oggetti, dai mobili agli animali. Insomma, una specie di Wikipedia visiva.  #FacceCaso.

SmartLens è un’app creata da Michael Royzen, un diciottenne di Seattle. In che consiste? Una specie di Shazam per il mondo visivo. 

Hai capito bene. Grazie a quest’app potrai inquadrare un certo oggetto, prodotto, monumento, una pianta o un animale, per conoscerne nome e informazioni aggiuntive, il tutto completamente offline. 

La settima creazione di Michael, sfrutta l’intelligenza artificiale e una serie di reti neurali convoluzionali.

Per il giovane programmatore di Seattle, l’identificazione visiva offline è più rapida del ricorso a modelli cloud based. 

Per adesso l’app scansiona 18mila oggetti, dai mobili agli animali. Insomma, una specie di Wikipedia visiva. 

Ovviamente l’app ha qualche limite e per certi oggetti necessità un collegamento a internet.

Una volta riconosciuto un prodotto, SmartLens ti consente (dove possibile) di acquistarlo. 

Se ti imbatterai in un animale, un monumento o un dipinto, ti mostrerà una descrizione dell’enciclopedia condivisa. 

Michael ha costruito l’app a casa, comprese le reti neurali e la grafica, insomma, è un piccolo genio. 

“SmartLens riesce a fornire informazioni utili in più del 90% dei casi ma dipende molto dalla qualità dell’immagine e dalla luminosità, così come ovviamente dal tipo di prodotto. Non è perfetto ma pur sempre migliore di Google Lens”. Ha spiegato Royzen a GeekWire.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0