Tempo di lettura: 3 Minuti

Non solo l’influencer, ecco i lavori “di riserva” più sottovalutati

Non solo l’influencer, ecco i lavori “di riserva” più sottovalutati

Al giorno d'oggi molti giovani sognano di fare l'influencer. Ma non è così facile come sembra. Ecco allora altri lavori “particolari” da prendere in c

Il grande problema dell’abbandono scolastico in Italia: siamo indietro rispetto all’UE
Minerva: l’università più selettiva del mondo!
Maturità 2019, il ripasso delle novità per l’anno prossimo

Al giorno d’oggi molti giovani sognano di fare l’influencer. Ma non è così facile come sembra. Ecco allora altri lavori “particolari” da prendere in considerazione.

Negli ultimi giorni ciò che sembra preoccupare maggiormente gli italiani è il fatto che lo Stato, a oltre 2 mesi di distanza dalle elezioni dello scorso 4 marzo, non ha ancora un governo. Ma ci sono moltissimi laureati che, invece, non hanno ancora un lavoro; non è forse questa la cosa peggiore?

Ebbene, la risposta a questa domanda è no; la cosa peggiore non è il fatto che i laureati non trovino una professione adatta alle proprie qualifiche. La cosa peggiore è che alcuni di essi non ci provano neanche a far valere il proprio titolo di studio, preferendo scegliere la strada che loro considerano più semplice: quella che, per esempio, li porta a fare gli youtuber o peggio, gli influencer.

Sia chiaro, non abbiamo nulla contro queste due professioni; anzi possiamo solo lontanamente immaginare quanto possa essere faticoso trascorrere ore davanti ad un PC per editare un video o cercare di attirare a sé persone da poter “influenzare”.

Ed è proprio questo che vorremmo sottolineare; il fatto che molti giovani considerano facili dei lavori che in realtà non lo sono affatto. E’ ovvio, tutti vorremmo essere come Chiara Ferragni, milionaria con qualche foto su Instagram e soprattutto senza alcuna laurea appesa alla parete.

Ma pensate che sia semplice? Sapete quante persone, esattamente come la Ferragni, hanno provato a fare gli influencer ma hanno fallito miseramente? Tante. Specialmente ora poi, che è uno dei mestieri più “ricercati”, ritagliarsi una propria fetta di pubblico è diventato difficilissimo.

E allora cosa posso fare se la mia laurea non viene presa in considerazione o se, peggio, la laurea non ce l’ho neanche? Beh, forse quello che stiamo per dirvi vi sorprenderà ma, oltre all’influencer e allo youtuber, esistono molte altre professioni che non richiedono alcun titolo di studio.

Lavori che vengono trascurati o addirittura sottovalutati ma che sono comunque più che dignitosi. L’idraulico ad esempio. E pensate, se siete abbastanza bravi potrebbero persino esporre uno dei vostri sifoni al Museo del Rubinetto e della sua Tecnologia di Novara (sì, esiste davvero).

Ma non è finita qui, se non avete paura di ospitare degli estranei in casa vostra potrete sfruttare il CouchSurfing (lo scambio di ospitalità) per mettere da parte qualche spicciolo. E che ne dite del modello? Pare che quello hipster (anticonformista) sia molto richiesto ultimamente.

Insomma, come vedete le alternative non mancano, sta a voi scegliere quella che si sposa meglio con le vostre abilità. E se avete più di un “talento” e siete indecisi su quale puntare non temete, al massimo potete anche fare i “tuttofare”.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0