Tempo di lettura: 3 Minuti

Big data for restaurant : a Firenze voti i ristoranti con un’app

Big data for restaurant : a Firenze voti i ristoranti con un’app

Grazie ad un sistema informatico, le informazioni che gli utenti della rete si scambiano in merito ai pubblici esercizi di Firenze verrano esaminate i

Le novità dell’Alternanza scuola-lavoro
Snapchat si reinventa ancora, arrivano i giochi?
Caro università: Messina la più cara in Sicilia

Grazie ad un sistema informatico, le informazioni che gli utenti della rete si scambiano in merito ai pubblici esercizi di Firenze verrano esaminate in breve tempo. #FacceCaso.

Firenze trova il modo di far conoscere ai ristoranti l’opinione dei propri clienti. Nasce un’app che sfrutta i big data per esprimere pareri su menu, servizio, ambiente e tutti gli altri aspetti dell’offerta dei locali. Big data for restaurant consentirà anche ai piccoli esercizi di monitorare e migliorare la propria reputazione commerciale. L’idea parte da Confcommercio Firenze e Travel Appeal, in collaborazione con Comune di Firenze e il patrocinio della Camera di Commercio di Firenze.

Il progetto è stato presentato a Palazzo Vecchio dall’assessora al turismo del Comune di Firenze Anna Paola Concia, il direttore della Confcommercio Toscana Franco Marinoni, il segretario generale della Camera di Commercio di Firenze Laura Benedetto e Mirko Lalli, founder e Ceo di Travel Appeal, la start up toscana che ha messo a punto il sistema di analisi. 

Grazie ad un sistema informatico, le informazioni che gli utenti della rete si scambiano in merito ai pubblici esercizi di Firenze verrano esaminate in breve tempo. 

L’algoritmo valuterà le recensioni dei locali, le opinioni rilasciate su portali di viaggio e i commenti sui social che sfrutterà per elaborare informazioni, studi, mappature, ricerche di percezione o gradimento.

Come se non bastasse, grazie a Big data for restaurant, tutte le impresa che aderiranno al progetto otterranno una scheda valutativa, che consentirà loro di capire se l’attività è o meno gradita al pubblico.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0