Tempo di lettura: 3 Minuti

Tutto ciò che c’è da sapere sui test d’ingresso all’università

Tutto ciò che c’è da sapere sui test d’ingresso all’università

Siamo già a giugno, la maturità si avvicina ma non solo... C'è anche un altro ostacolo da superare prima di poter smettere di preoccuparsi: il test d'

Sapienza: appuntamenti da lunedì 25 febbraio a domenica 3 marzo
Corona d’alloro: perché si indossa?
#FacceCaso intervista Open House Roma in diretta su Radio Kaos Italy

Siamo già a giugno, la maturità si avvicina ma non solo… C’è anche un altro ostacolo da superare prima di poter smettere di preoccuparsi: il test d’ingresso all’università.

Fa già troppo caldo per studiare, la voglia di vacanza e di mare ci assale sempre di più, ma il tempo per rilassarsi sembra non arrivare più. Dopo aver superato la maturità bisognerà anche cominciare a pensare ai test d’ingresso all’università. Ma niente paura, FacceCaso ha in serbo per tutti gli studenti in questa situazione, dei consigli infallibili!

2 tipi di test d’ingresso

Come tutti gli studenti sanno, le modalità d’accesso all’università non sono sempre le stesse. Ci sono facoltà a numero aperto e quelle a numero chiuso e soprattutto per quelle a numero chiuso i test spesso e volentieri sono abbastanza difficili. Insomma, occorre rimettersi sui libri e continuare a studiare per tuuutta l’estate!

Quali sono i test a numero chiuso?

I tipici test a numero chiuso che ogni anno vengono provati da un numero enorme di studenti sono: medicina, veterinaria e architettura. Questi sono anche gli unici che prevedono una graduatoria a livello nazionale. Si tratta di prove che sono identiche su tutto il territorio nazionale e che sono gestite e preparate direttamente dal MIUR.

Ci sono anche altre facoltà che prevedono test d’ingresso e il numero chiuso, come per esempio per le Professioni Sanitarie o Scienze della Formazione Primaria.

E poi ci sono i test d’ingresso delle università private come quello della Bocconi di Milano o della LUISS di Roma.

Come prepararsi al test?

Ogni studente ha il proprio metodo di studio e le proprie modalità per preparare e poi affrontare delle prove. Però ci sono dei consigli sempre validi per aiutare chiunque ad avere successo!

– I manuali

Per ogni tipo di test d’ingresso esistono appositi manuali creati da svariate case editrici con il fine di aiutare gli studenti. Questi manuali tipo “Alpha Test” sono molto utili per esercitarsi e, soprattutto, capire i meccanismo del test. Sono strutturati in modo da avere una parte di teoria, una per gli esercizi e poi tanti quiz e test di prova. Consiglio a chiunque di fare un piccolo investimento in uno di questi manuali per esercitare la mente a determinati tipi di esercizi.
Sono disponibili anche manuali specifici per i test d’ingresso di LUISS e Bocconi.

– Le simulazioni online

Una volta studiata la teoria non rimane che ammazzarsi di esercizi e Internet, in questo, può essere un grande alleato. Con una breve ricerca nel web, infatti, sarà un gioco da ragazzi trovare vari tipi di simulazioni che vi consentiranno di avere un’idea abbastanza chiara della vostra preparazione.

– Perderci del tempo

Come ogni esame o compito anche i test d’ingresso hanno bisogno di essere preparati. Ovviamente non per tutte le facoltà il test d’ingresso ha lo stesso grado di difficoltà ma tutti meritano almeno un piccolo sforzo.

Quindi, giovani, il mio consiglio spassionato è quello di riuscire a conciliare il divertimento e il meritato svago post maturità con un po’ di studio ed esercizio anche da sotto l’ombrellone!

In bocca al lupo!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0