Inquinamento: prevenire è meglio che curare!

Inquinamento: prevenire è meglio che curare!

REACH è il programma per la prevenzione dell’ inquinamento in Veneto, #Faccecaso. Anche se ormai l’ inquinamento è già largamente presente oserei dir

Un Facebook Lite per tutti i telefoni, anche in Italia
RoboCup: l’istituto Giorgi salta la finale mondiale per mancanza di fondi
Mondiali di canottaggio in Bulgaria: grandi risultati per i giovani italiani

REACH è il programma per la prevenzione dell’ inquinamento in Veneto, #Faccecaso.

Anche se ormai l’ inquinamento è già largamente presente oserei dire dappertutto, oltre a cercare di riparare i danni fatti cercando di “bonificare” i mari o riciclando, qualcuno ha pensato di prevenire l’inquinamento: siamo in Veneto e la prevenzione consiste nel controllo delle sostanze chimiche prodotte e commercializzate dalle aziende, è un piano di “attività e vigilanza” che si chiama REACH (Registrazione, Valutazione, Autorizzazione e Restrizione delle sostanze chimiche) ed è una rielaborazione del piano nazionale per la tutela di salute e ambiente il quale dovrebbe riguardare tutti gli Stati membri dell’unione Europea.

Il Piano ad oggi prevede 40 interventi di verifica ma non è un numero fisso, potrebbero aumentare in caso di segnalazioni o di situazioni particolari, ma quali sono le sostanze nocive a cui si dà la caccia in Veneto?

Sono 17 e fanno parte della “famiglia” degli Pfas: questo termine significa “Sostanze Perfluoro Alchiliche” in parole povere sono acidi molto forti che vengono usati allo stato liquido e purtroppo sono molto diffusi data la loro utilità; il loro effetto infatti permette a tessuti, carta, rivestimenti ma anche detergenti, schiume antincendio di essere resistenti ad acqua e grassi.

Le ricerche per scoprirne gli effetti sulla salute sono ancora in corso ma per ora sappiamo che l’assunzione di tali sostanze considerate cancerogene potrebbe compromettere fertilità e crescita e che da un’esposizione prolungata potrebbero derivare tumori a reni o testicoli, e le ricerche non sono ancora concluse…

Il problema è che tali sostanze, secondo una ricerca del 2013 effettuata sul Po e sui principali bacini italiani, sono state trovate nelle acque di superficie, in acque sotterranee e in acque potabili.

#Bruttastoria perché, come sempre, l’inquinamento sta vincendo ma #Bellastoria per il Veneto che almeno, nonostante ci siano già danni, sta cercando di limitarne ulteriori.

#FacceCaso

Di Claudia Biasci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0