Tempo di lettura: 2 Minuti

Football for friendship: l’altra faccia del calcio

Football for friendship: l’altra faccia del calcio

Come dovrebbe essere il calcio ce lo insegnano i bambini. Ecco football friendship, iniziativa voluta dalla Gazprom in tutto il mondo. Per quanto il

Bianchi e Azzolina, siamo davvero poi così diversi tu ed io?
L’Università di Oxford sospende un italiano per legami con il jihadismo
Resto al Sud, l’incentivo per gli under 36 che investono sul Meridione

Come dovrebbe essere il calcio ce lo insegnano i bambini. Ecco football friendship, iniziativa voluta dalla Gazprom in tutto il mondo.

Per quanto il calcio sia lo sport più amato dagli italiani e sicuramente il più seguito, come ben sappiamo non è sempre manifesto di fair play e spesso vengono a mancare quei valori fondamentali che permettono un gioco equo e onesto.

Gazprom, compagnia russa che produce il 70% del gas naturale a livello nazionale, è da sei anni che cerca di far capire ai bambini quale sia il modo giusto di vivere il calcio: il progetto si chiama Football for friendship ed ha coinvolto bambini di 211 paesi diversi. Ed è proprio grazie a questa occasione che i bambini delle due Coree hanno potuto giocare nella stessa squadra, che le bandiere di Russia ed Ungheria erano vicine e che Yoel nato in Israele e Chalom invece palestinese hanno potuto passarsi la palla.

E tra tutto questo mosaico di paesi e colori c’erano anche quattro bambini italiani e se ti stai chiedendo perchè Gazprom tenga tanto a questo iniziativa il padre di uno di questi che è stato anche l’allenatore dei ragazzi ha risposto (al Sole24ore) che sia un tentativo per aiutare i russi ad aprirsi partendo però dall’interno, proprio dal loro paese.

I ragazzi hanno avuto la possibilità di allenarsi e giocare insieme per qualche giorno fino poi ad arrivare alla grande finale che si è tenuta qualche giorno prima dell’inizio dei mondiali, proprio in Russia nell’arena Sapsan di Mosca dove c’erano 5.000 spettatori per vedere un torneo all’insegna di tolleranza, armonia, rispetto per le culture e per l’ambiente ed onestà dove le squadre portavano i nomi di animali in via d’estinzione.

Quindi, #Faccecaso quando vai allo stadio del tuo paese a vedere il tuo cuginetto giocare e ci sono genitori che urlano “Spaccagli le gambe” come incitamento al proprio figlio nei confronti dell’avversario.

Pensaci.

#FacceCaso

Di Claudia Biasci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0