Tempo di lettura: 1 Minuti

Venezia, l’odio al tempo dei social costa caro ai cyber-bulli

Venezia, l’odio al tempo dei social costa caro ai cyber-bulli

Quattro italiani della provincia di Venezia sono stati accusati di discriminazione razziale via social. E la punizione è da non credere. Ah i social,

Combattere gli hacker con gli hacker, possibile?
Spotted, quando l’ironia diventa violenza
Quando l’ anonimato diventa un gioco

Quattro italiani della provincia di Venezia sono stati accusati di discriminazione razziale via social. E la punizione è da non credere.

Ah i social, quando vengono utilizzati correttamente sono un ottimo strumento per condividere notizie, pubblicizzare eventi e chi più ne ha più ne metta. Se li si usa con cattive intenzioni, però, possono trasformarsi in un diffusore di odio e violenza pericolosissimo.

Ne sanno qualcosa i migranti richiedenti asilo in Veneto che sono stati minacciati via Facebook da quattro italiani di Portogruaro. Stavolta, però, i leoni da tastiera non l’hanno passata liscia; dovranno infatti comparire dinnanzi al Tribunale di Venezia per aver violato la Legge Mancino.

Si tratta di una norma, emanata nel 1993, che sanziona gesti, azioni e slogan che hanno per scopo l’incitazione alla violenza e alla discriminazione etnica, religiosa e appunto razziale. E quindi, sarebbe questa la cosa insolita? Il fatto che ci sia una legge che condanna i cosiddetti crimini d’odio e che ci sia qualcuno che ogni tanto si ricorda di applicarla?

No, il fatto insolito, se così lo possiamo chiamare, è che i quattro imputati sopra citati non potranno utilizzare Facebook per i prossimi 6 mesi. E non è finita qui; saranno anche obbligati a leggere libri o a guardare film che hanno come tema centrale l’immigrazione.

Allo scadere dei 6 mesi verranno poi “interrogati” dall’Ufficio delle Esecuzioni Penali del Tribunale di Venezia, che avrà il compito di verificare se i quattro avranno effettivamente scontato la pena e se avranno imparato dai loro errori.

Errori che gli sono costati caro anche da un punto di vista economico dal momento che dovranno versare anche un risarcimento pari a 200 euro. Tutto per degli stupidi (nel vero senso della parola) commenti su un social network; è proprio vero che bisognerebbe contare fino a 10 prima di mettere mano sulla tastiera.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0