Junker: l’app per la raccolta differenziata di Torino

Junker: l’app per la raccolta differenziata di Torino

Junker può essere scaricato sia su Android che su Apple. Attualmente l’app è stata tradotta in 10 lingue, tra cui russo, cinese e rumeno per stimolare

Tutto pronto per il Roma Web Fest!
Rivoluzione sarda: “No alle prove Invalsi e sì al sardo in classe”
Docenti condannati anche se l’evento è imprevedibile

Junker può essere scaricato sia su Android che su Apple. Attualmente l’app è stata tradotta in 10 lingue, tra cui russo, cinese e rumeno per stimolare la raccolta differenziata anche fra i turisti. #FacceCaso.

Torino ha avuto una bella idea. Sotto la guida della sindaca Chiara Appendino, prende vita Junker, un assistente virtuale per la raccolta differenziata. 

Di che si tratta? È una semplice app che puoi comodamente scaricare sul tuo cellulare per riconoscere i rifiuti e gettarli nel contenitore giusto. 

Junker sarà utile ai cittadini per segnalare strade sporche, rifiuti abbandonati e cestini rotti.

Con una foto al codice a barre del prodotto capirai se si può buttare tutto intero in un contenitore, se va separato, che giorno della settimana potrà essere gettato o dove si trova il cassonetto più vicino. 

“Ci siamo impegnati per riuscire a estendere la differenziata in città e raggiungere gli obiettivi dati dall’Unione europea nei prossimi anni, ma anche per diffondere i comportamenti virtuosi del riuso e per riuscirci servono strumenti questa app”. Spiega la sindaca Chiara Appendino, come si legge su Repubblica.

Junker può essere scaricato sia su Android che su Apple. Attualmente l’app è stata tradotta in 10 lingue, tra cui russo, cinese e rumeno per stimolare la raccolta differenziata anche fra i turisti.

“La partecipazione diretta dei cittadini è una opportunità per migliorare il servizio. Con l’app diamo a tutti un aiuto immediato per capire qual è il conferimento corretto degli imballaggi e questo pensiamo migliorerà la qualità della differenziata. Insieme all’estensione a tutta la città del porta a porta possiamo raggiungere i parametri europei di raccolta differenziata”. Afferma il presidente di Amiat, Christian Aimaro.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0