Tempo di lettura: 2 Minuti

Napoli, il robot è da finale ma la scuola no

Napoli, il robot è da finale ma la scuola no

Incredibile la vicenda di tre studenti napoletani, che non potranno partecipare ad una finale che si sono meritatamente conquistati. Ecco perché. Com

Atenei americani e corsi online gratis
Tra Google e Grillo 2 milioni di ragioni per leggere il TG USA 2.0
La rivalsa del gatto e un taglierino aggressivo, ospiti d’eccezione al TG USA 2.0

Incredibile la vicenda di tre studenti napoletani, che non potranno partecipare ad una finale che si sono meritatamente conquistati. Ecco perché.

Come la prendereste se la vostra squadra del cuore non potesse partecipare alla finale di Champions League che si è conquistata sul campo con sudore e fatica? Male, vero? Questa premessa è quanto mai necessaria per comprendere lo stato d’animo attuale dei napoletani Luigi, Davide e Mauro.

Sì, perché quando parliamo di loro non parliamo di studenti qualsiasi, bensì di tre autentici prodigi della robotica, capaci di centrare per il secondo anno di fila la finalissima dello “Zero Robotics”, un torneo aperto alle scuole superiori di tutto il mondo e organizzato dal MIT e dalla NASA.

Una finale che si terrà oltreoceano; una finale a cui però, ancora una volta, Luigi Davide e Mauro non potranno andare. E poco importa se il loro progetto di aggancio di un robot-satellite dell’ISS (Stazione Spaziale Internazionale) è risultato tra i migliori dell’intera competizione; la loro scuola, l’istituto tecnico “Amedeo Righi” non ha fondi sufficienti per partire alla volta degli USA.

Intervistato da La Stampa, Davide si è detto comunque soddisfatto del risultato raggiunto ma nonostante ciò l’amarezza rimane. D’altronde per le scuole italiane e in particolar modo per quelle del Sud è difficile competere con istituti spesso finanziati da colossi come Apple e Microsoft.

Il divario economico che ci separa dalle scuole del resto del mondo, infatti, è al momento molto ampio ed è destinato ad accrescersi ulteriormente se non si fa in fretta qualcosa. Ed è chiaro che bisogna fare qualcosa, perché tutti abbiamo diritto di vivere il sogno che ci siamo faticosamente costruiti; soprattutto Luigi, Davide e Mauro, i vincitori morali dello “Zero Robotics”.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar

    […] Napoli, il robot è da finale ma la scuola no  FacceCaso (Comunicati Stampa) (Blog) […]

  • DISQUS: 0