Tempo di lettura: 1 Minuti

Ecco perché Tumblr è stato rimosso dall’Apple Store

Ecco perché Tumblr è stato rimosso dall’Apple Store

La Apple ha preso questa decisone a partire dal 16 novembre per prevenire ed impedire la diffusione di materiale di tipo pedopornografico. #FacceCaso.

Vietato caricare il telefono in macchina
Istituti regionali e non più statali: ecco i contro
Molestie al Liceo Tasso, intervista esclusiva ai rappresentanti d’istituto

La Apple ha preso questa decisone a partire dal 16 novembre per prevenire ed impedire la diffusione di materiale di tipo pedopornografico. #FacceCaso.

Ti ricordi Tumblr? Qualche anno fa il social andava parecchio di moda. Oggi l’app è travolta dalla bufera a causa della sua rimozione dall’Apple Store. 

A quanto pare alcune foto illecite sono apparse sulla piattaforma a causa di un difetto nel sistema di filtraggio dei contenuti prima che vengano pubblicati in rete.

La Apple ha preso questa decisone a partire dal 16 novembre per prevenire ed impedire la diffusione di materiale di tipo pedopornografico.

Tumblr ha immediatamente pubblicato un comunicato in cui confessa di aver riscontrato il problema e di aver provveduto alla cancellazione immediata del contenuto. Ciò non è bastato a far ricomparire l’app nello store Apple.

Ad accorgersi dell’impossibilità di scaricare l’app di Tumblr dall’Apple Store è stato il blog Piunika Web grazie alla segnalazione di alcuni utenti.

Inizialmente il motivo della rimozione era poco chiaro: il sito spiegava semplicemente di “essere al lavoro per risolvere il problema relativo all’applicazione iOS”. Subito dopo la verità.

Tumblr, piattaforma lanciata nel 2007, ha poi pubblicato un comunicato nel quale ammette la problematica riscontrata. L’app è impegnata a “garantire un ambiente online sicuro per tutti gli utenti” affidandosi ad un sistema di controllo che confronta in maniera automatica i contenuti caricati con quelli presenti in un database prima di consentire la pubblicazione sulla piattaforma. 

Le foto incriminate sarebbero sfuggite al monitoraggio poiché “non era ancora stato inserito nel nostro database”.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0