L’università di Cagliari ha attivato uno spazio bambino/ludoteca

L’università di Cagliari ha attivato uno spazio bambino/ludoteca

La ludoteca fa parte del progetto “Tessera Baby” avviato nel 2015, che già prevede una serie di agevolazioni per studentesse in attesa e studentesse e

Farcebook Marketplace è arrivato in Italia
Novità digitali: dallo smartphone indistruttibile alle news di Instagram
Reset : nasce l’app che ti cura dalle dipendenze

La ludoteca fa parte del progetto “Tessera Baby” avviato nel 2015, che già prevede una serie di agevolazioni per studentesse in attesa e studentesse e studenti con figli fino ai 10 anni. #FacceCaso.

L’università di Cagliari ha indetto un’iniziativa che renderà più facile il lavoro per studenti e professori. In ateneo è stato attivato uno spazio bambino/ludoteca presso il polo di San Duchessa con lo scopo di accogliere i figli delle studentesse, degli studenti e del personale dell’Ateneo. 

A gestire il nuovo spazio ci penserà il “Consorzio Solidarietà” per un anno, con il supporto di studenti tirocinanti. Lo spazio in questione si trova nel “corpo aggiunto” della facoltà di Studi umanistici. Dal lunedì al venerdì, saranno costantemente presenti due pedagogiste, oltre che i ragazzi e le ragazze del corso che potranno svolgere lì il tirocinio. La sala è allestita con tavolini, un’area giochi con maxi cuscini, un fasciatoio e un separè per consentire alle mamme di allattare i propri figli.

La ludoteca fa parte del progetto “Tessera Baby” avviato nel 2015, che già prevede una serie di agevolazioni per studentesse in attesa e studentesse e studenti con figli fino ai 10 anni. Questo servizio consente di lasciare i bambini nelle mani di personale specializzato durante il tempo per seguire le lezioni e sostenere gli esami.

“È il primo baby parking, in futuro vogliamo aprire un vero asilo nido in via Trentino. Non dobbiamo lasciarci sconfortare dalla burocrazia, per certi versi è comunque giusta. L’asilo nido sarà realtà entro due anni, e ci stiamo dando da fare anche per Monserrato”. Ha spiegato il rettore Maria Del Zompo. Per poter usufruire del servizio è necessario prenotarsi su isoquality.it/stanzarosa.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0