Tempo di lettura: 3 Minuti

Internet confonde molti: finto sito IMPS spopola su Facebook

Internet confonde molti: finto sito IMPS spopola su Facebook

Pubblicato un falso sito dell’INPS, chiamato IMPS, su cui si può prenotare il reddito di cittadinanza. È tutta una bufala di satira, ma ci cascano in

Università “carbon neutral” entro il 2030
Asse Marche-Cina: l’Univpm  stringe accordi con la Beijing City University
Pista e ascensori per disabili: nuova vita al Campo Scuola

Pubblicato un falso sito dell’INPS, chiamato IMPS, su cui si può prenotare il reddito di cittadinanza. È tutta una bufala di satira, ma ci cascano in migliaia.

IMPS anziché INPS, ma il richiamo più forte dalla promessa di poter prenotare il reddito di cittadinanza. E così un sito totalmente inventato e ironico diventa il principale veicolo per illudere mezzo milione di persone.
Tutto il contenuto era ironico, con battute, frasi storpiate, requisiti di ottenimento senza senso e molto altro, ma ciò non ha fermato gli avventori, probabilmente tra coloro che attendono con impazienza questo reddito (anche questo dovrebbe essere una bufala), e sono finiti per registrarsi, convinti di avere un saltafila per il loro scopo.

La società di comunicazione Ars Digitalia, autrice del sito, si era resa conto della portata del dibattito già a marzo 2018. Creando questo sito antitesi dell’INPS, ha cominciato a ironizzare sull’agognato reddito di cittadinanza. L’iniziativa satirica e provocatoria, dopo le innumerevoli bufale e fake news di questi anni, ha fatto anche gridare allo scandalo in molti, che si sono sentiti “truffati”.

Basta aprire il sito per vedere un form dove inserire i propri dati per richiedere il reddito di cittadinanza. Ma dopo aver compilato tutti gli spazi compare un avviso di errore nella scrittura. Il modulo potrebbe avere un aspetto realistico, ma in verità non ha nulla di concreto!

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0