Tempo di lettura: 1 Minuti

Beppe Grillo contestato a Oxford. È polemica sui social, ma lui smentisce.

Beppe Grillo contestato a Oxford. È polemica sui social, ma lui smentisce.

Spezzoni di video mostrano Grillo contestato dagli studenti dell’università inglese. I racconti e i commenti social polemizzano sul suo comportamento.

Il nuovo programma Double Degree Bocconi-LSE: la conferenza di inaugurazione
Studiare diritto internazionale a Cambridge nell’epoca della Brexit
Brexit: qual è il futuro degli studenti Europei?

Spezzoni di video mostrano Grillo contestato dagli studenti dell’università inglese. I racconti e i commenti social polemizzano sul suo comportamento. Lui nega e dice: “Tutto bellissimo”.

Grillo non è certo nuovo a situazioni turbolente. Ieri, invitato dall’università di Oxford per parlare di temi politici, ha fronteggiato una platea di studenti che non sembra abbiano apprezzato molto le sue posizioni.

Niente telecamere, né giornalisti: le uniche testimonianze sono i racconti degli studenti e brevi video fatti di straforo. Alcune immagini, diventate subito virali, mostrano il suo ingresso in aula bendato. “Non voglio vedere il Regno Unito imprigionato dalle discussioni sulla Brexit” la sua giustificazione. I post pubblicati sui vari social dai presenti parlano di continui fischi e “buu” durante il suo intervento. L’apice della contestazione pare sia stato raggiunto quando, in risposta ad una domanda di uno studente italiano, il comico ha affermato: “Cosa volete? Avete lasciato il vostro paese”.

Giudizi impietosi e commenti polemici hanno fatto il giro del web. “Raga’ è imbarazzante. Sta vaneggiando” – scrive su Facebook uno dei ragazzi presenti, che aggiunge – “A fare domande sono stati solo ragazzi italiani, ma gli stranieri erano più shockati di noi”. Su Twitter, a commento di una foto del comico in mezzo ai ragazzi, un utente ironizza: “Grillo a Oxford: la prima esperienza di fronte ad un pubblico pensante è stata un vero trauma”.

Il fondatore del M5S, in serata, è intervenuto su Rete4 a Stasera Italia smentendo le contestazioni e gli insulti. “Ci siamo scambiati delle disinformazioni che loro hanno su di noi e noi che abbiamo su di loro” – ha affermato – “Penso di aver dato una buona impressione”. Ha negato di aver attaccato gli italiani che hanno lasciato il paese per studio o lavoro e ha definito “bellissimo” l’incontro con i ragazzi.

Chissà, forse è solo che oltremanica non sono abituati al suo stile istrionico.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0