Tempo di lettura: 2 Minuti

Trentino, l’Industria 4.0 diventa scuola-lavoro

Trentino, l’Industria 4.0 diventa scuola-lavoro

Può l'Industria 4.0 essere al centro di un progetto di Alternanza Scuola-Lavoro? Se vi trovate in Trentino la risposta è sì. Ecco come. Avete mai sen

Sardegna e Sicilia recuperano i NEET grazie ai fondi UE
Incontro tra docenti e imprenditori sull’alternanza
Studenti in Alternanza usati come camerieri alla festa del PD

Può l’Industria 4.0 essere al centro di un progetto di Alternanza Scuola-Lavoro? Se vi trovate in Trentino la risposta è sì. Ecco come.

Avete mai sentito parlare di Industria 4.0? Per chi non lo sapesse questo termine viene utilizzato per indicare la tendenza ad impiegare tecnologie produttive per migliorare le condizioni lavorative, per creare nuovi modelli di business e per elevare la produttività.

Ora so cosa starete pensando: bello ma cosa c’entra con i giovani e soprattutto con la scuola? La risposta a questa domanda si può riassumere in due parole: “cultura della ricerca”. Il potenziamento di questo aspetto, infatti, è senza dubbio l’obbiettivo principale del progetto di cui stiamo per parlarvi.

Si tratta di una full immersion meccatronica promossa da Trentino Sviluppo e dalla Fondazione Bruno Kessler, ente di ricerca di interesse pubblico, allo scopo di far conoscere agli studenti delle scuole superiori della regione l’Industria 4.0 nelle sue molteplici applicazioni (Tecnologia IoT, Cybersecurity ecc.).

Il progetto, denominato “[Pro]M Camp”, ha visto protagonisti 24 ragazzi provenienti da 7 istituti del Trentino, i quali hanno lavorato per 5 giorni consecutivi (dal 18 al 22 febbraio) alla creazione del prototipo di un sistema sicuro di intelligenza artificiale applicabile nell’Industria 4.0.

Naturalmente hanno beneficiato dell’aiuto dei ricercatori della Fondazione e di quello degli esperti di ProM (centro di innovazione che ricerca, sperimenta e produce prototipi), nonché del supporto di 2 ex alunni che, in qualità di tutor, hanno messo la loro esperienza al servizio degli studenti.

Un modo intelligente di fare Alternanza Scuola-Lavoro quindi? No, [Pro]M Camp 2019 è stato molto di più. E’ stato l’esempio di una “scuola moderna” (così l’ha definito Francesco Profumo, presidente della Fondazione Bruno Kessler), di una scuola che offre ai giovani l’opportunità di coltivare i propri sogni e di costruire personalmente il proprio futuro un ingranaggio alla volta.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0