Tempo di lettura: 1 Minuti

L’iPhone X viene costruito sfruttando gli studenti cinesi: assurdo!

L’iPhone X viene costruito sfruttando gli studenti cinesi: assurdo!

Un'inchiesta del Financial Times getta un'ombra imbarazzante, ancora una volta, sulle modalità di costruzione degli iPhone. Ad essere incriminato è l'

Alternanza e disabilità: le soluzioni migliori
“Armiamoci e partite”: il paradosso dell’Alternanza
5 modi per sfruttare l’alternanza scuola-lavoro a proprio vantaggio

Un’inchiesta del Financial Times getta un’ombra imbarazzante, ancora una volta, sulle modalità di costruzione degli iPhone. Ad essere incriminato è l’assemblaggio degli iPhone X che la Foxconn persegue sfruttando i giovani tirocinanti cinesi.

Sapete che quando finalmente avrete in mano il vostro amato iPhone X, quello che bramate da mesi, probabilmente avrete uno smartphone costruito sfruttando ragazzi come voi?

Sto parlando dell’ultimo scandalo uscito in merito alla costruzione degli iPhone, da sempre discussa. Alcuni studenti cinesi avrebbero denunciato di essere stati sfruttati per assemblare iPhone X invece di svolgere il tirocinio formativo che si aspettavano.

Il Financial Times ha infatti dato voce ad alcuni studenti cinesi che hanno svolto il tirocinio obbligatorio, per poter ottenere il diploma, presso la Foxconn.  Presso l’azienda taiwanese  che assembla i melafonini per conto di Apple, con sede in Cina, molti studenti sarebbero stati sfruttati.

Siamo stati forzati dalla nostra scuola ad andare lì. Ciò che facevamo lì non aveva niente a che fare con i nostri studi“.

I ragazzi che hanno “denunciato” lo sfruttamento nella costruzione degli iPhone X fanno parte di un gruppo ben più ampio, addirittura 3.000 studenti, che hanno effettuato il tirocinio obbligatorio presso la Foxconn. Se non fosse che invece di aver imparato qualcosa, sono stati messi a lavorare addirittura fino ad 11 ore al giorno, ben al di sopra del limite delle 40 ore settimanali stabilite dalla legge cinese per gli stage.

La nostra alternanza scuola-lavoro in molti casi si è dimostrata molto simile

Vi sembra di aver già sentito qualcosa del genere? Non vengono certo messi ad assemblare iPhone X in una catena di montaggio ma molti studenti italiani hanno denunciato situazioni simili durante l’alternanza scuola-lavoro.

Ragazzi messi a spalare letame, pulire i bagni, fare attività inutili e degradanti. Anche loro hanno avuto il coraggio di denunciare lo sfruttamento da parte di un sistema, questa volta nostrano, che, pur se molto lontano da quello cinese, di certo non se ne discosta poi tanto a riguardo.

Chi sta peggio? Probabilmente i ragazzi impiegati ad assemblare iPhone X, se è vero che sono stati addirittura obbligati, per sopperire alla mancanza di mano d’opera. Se non fosse, però, che la stessa Apple e la Foxconn hanno aperto un’indagine per scoprire la verità, incalzate dal Financial Times. Da noi, invece, sembra che nessuno si sia scomodato poi tanto per risolvere le situazioni critiche ed ingiuste di alternanza scuola-lavoro.

#FacceCaso quando comprerai il tuo iPhone X!

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0