Tempo di lettura: 1 Minuti

Maturità: ansia, caffè e sigarette!

Maturità: ansia, caffè e sigarette!

Maturità: 2 studenti su 3 sono stressati e crescono le brutte abitudini, tra cui caffè e sigarette. La paura più grande è quella del domani! La matur

Studiare in Cina e non conoscere il cinese: un’esperienza a metà
Ansia e social: i due nuovi (possibili) nemici causati dal dover restare a casa
Abitudini della Domenica di uno studente universitario

Maturità: 2 studenti su 3 sono stressati e crescono le brutte abitudini, tra cui caffè e sigarette. La paura più grande è quella del domani!

La maturità è il primo grande esame che gli studenti si trovano ad affrontare.
Cambiano le generazioni e le modalità di svolgimento della prova, ma resta una costante negli anni: l’ansia!

Ansia e Paura

La Repubblica riporta i dati, raccolti da Skuola.net, per monitorare la situazione:

    • 4 maturandi su 10 vivono con ansia l’avvicinarsi della prima prova;
    • il 16% dei giovani dichiara di provare nervosismo;
    • il 19% dei maturandi si sente debole e affaticato;
    • il 27% dichiara di non riuscire a concentrarsi.

Le brutte abitudini degli studenti

L’ansia porta gli studenti a scaricare il nervosismo sulle cattive abitudini:

    • mangiarsi le unghie;
    • bere molto caffè;
    • dormire poco;
    • fumare più del solito.

Contrariamente dalla speranza degli studenti, questi sono rimedi che alterano il nervosismo. Ciò innesca il meccanismo inverso: perdere la lucidità.

Non si deve avere paura della paura!

La Repubblica riporta le parole di Maura Manca, psicoterapeuta e presidente dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza Onlus, la quale ha affermato che il cambiamento della modalità di svolgimento dell’esame significa dover affrontare un’incognita in più, non avere termini di paragone con gli anni passati e non sapere quello a cui andranno incontro. Ma non si deve neanche avere paura della paura. In genere la vediamo come qualcosa di limitante, da combattere e sprechiamo troppe inutile energie. La paura durante gli esami invece è una buona compagna perché ci aiuta a stare più attenti a quello che scriviamo e che diciamo. Perciò, accettiamola e sfruttiamola e allora stiamo certi che ne usciremo vincenti.”.

La paura degli studenti va ben oltre la maturità: è una paura del dopo. Ma accettate la paura come parte della vostra vita senza pensare troppo al domani, perché come affermato da una vecchia citazione:
Salite il primo gradino con fiducia, non occorre vedere tutta la scala, salite il primo gradino!

#FacceCaso

Di Claudia Marano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0