Tempo di lettura: 3 Minuti

Abitudini della Domenica di uno studente universitario

Abitudini della Domenica di uno studente universitario

Le 5 abitudini della Domenica degli studenti universitari, tra studio e aperitivi. La Domenica è un giorno di riposo per tutti e ognuno di solito la

L’ omosessualità spiegata all’università: un grande passo per l’uomo
Torino, lezioni antisemite all’Università?
Torino: l’Università spiega i rischi del mondo dell’Economia

Le 5 abitudini della Domenica degli studenti universitari, tra studio e aperitivi.

La Domenica è un giorno di riposo per tutti e ognuno di solito la trascorre nello svago, tra chi sceglie la passeggiata fuori porta o una serie tv sul divano di casa. Anche lo studente universitario non fa eccezione, dopo una settimana tra lezioni, laboratori e corsi, la Domenica sceglie di riposarsi al meglio. Solitamente accompagnato da un Sabato sera passato in giro e una notte dalle ore piccole, l’ultimo giorno della settimana è anche un compromesso tra il dovere dello studio e la compagnia degli amici. Lo studente deve organizzarsi al meglio anche per riposarsi e per fare ciò segue abitudini (leggi anche le ansie dello studente qui). Da quelle riportate su Skuola.net ne abbiamo selezionate cinque in cui molti universitari si ritroveranno.

Abolizione di sveglie e orologi

Per lo studente una delle prime abitudini della Domenica è quella di staccare le sveglie, orologi o qualsiasi cosa possa destarlo dal sonno prima di mezzogiorno. Che esca o che rimanga a casa a vedere un film, la sera prima sarà andato a dormire alle quattro. Proverà quindi a eliminare ogni possibilità di disturbo, ma molte volte si ritroverà impotente di fronte ai lavori in casa dei vicini.

Il compromesso tra la colazione e il pranzo

Salvo quindi rumori e vicini molesti nulla sembra impedire il risveglio intorno a mezzogiorno. Un orario ambiguo per lo stomaco, troppo tardi per la colazione, troppo presto per il pranzo e troppa fame per aspettare. Questo sarà il dilemma che porterà a mangiare un unico pasto che possa essere il giusto compromesso tra i due (di solito una spaghettata che non richieda troppe energie).

Pigiama e Netflix

Quando si è nel vivo della sessione d’esame la domenica diventa un giorno di ritiro per studiare, almeno in teoria. La giornata sarà caratterizzata dalla costante presenza del pigiama, quasi a rappresentare l’arresa verso i libri. Lo studio però non filerà liscio nella maggior parte dei casi, l’istinto porterà lo studente a fare una pausa per “riposarsi” e  magari vedere il finale di stagione della serie che sta seguendo. Diventeranno però tre o quattro puntate che elimineranno ogni buon proposito di studiare.

Il libro sempre dietro

Per coloro che hanno invece deciso di uscire a fare un giro, non sarà una passeggiata serena. I sensi di colpa si faranno vivi costringendo a portare un libro con se. Ogni momento di pausa sarà utile per portarsi avanti con lo studio, ma probabilmente diverrà solo un peso da portare sulla schiena.

L’aperitivo e la sveglia del Lunedì

Qualunque sia stata la scelta per il pomeriggio, probabilmente terminerà con un aperitivo, magari nella zona universitaria. Quale modo migliore per passare del tempo con delle facce amiche con cui darsi man forte sulle incomprensioni e preoccupazioni per gli esami? Il tutto però rientrando a un discreto orario per prepararsi alla sveglia del lunedì, che magari sarà seguita da noiose lezioni o esami.

#FacceCaso

Di Dario Argenziano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0