Tempo di lettura: 1 Minuti

In Transilvania alla ricerca di Dracula… Tra orsi e cittadine deliziose!

In Transilvania alla ricerca di Dracula… Tra orsi e cittadine deliziose!

Seconda puntata del mio viaggio in Romania "on the road", come preannunciato oggi vi porto con me a esplorare la Transilvania sulle tracce di Dracula.

Il mio viaggio in Romania: un ottimo spunto di viaggio “on the road”
2019, il Best of di Chiara Zane
Bucarest: le cinque cose da fare assolutamente nella Capitale romena

Seconda puntata del mio viaggio in Romania “on the road”, come preannunciato oggi vi porto con me a esplorare la Transilvania sulle tracce di Dracula.

Come vi ho raccontato nella prima puntata, il mio road-trip in Romania è iniziato da Bucarest dove abbiamo noleggiato una fantastica pandina per pochissimi soldi, e ci siamo spostati subito verso la Transilvania. Ovviamente quando si viaggia si sa, non può andare sempre tutto come previsto…

Il nostro hotel sul lago a Corbeni

“Impossibile visitare il castello causa orsi”

La Transilvania è la regione della Romania famosa anche per il mito di Dracula. Come penso sappiate, Dracula è solo un’invenzione letteraria di Bram Stoker che ha ambientato il suo romanzo in queste zone (pur non essendoci mai stato!). La persona che è veramente esistita, però, è il famigerato Vlad Tepes, anche detto “l’impalatore”. Ne avete mai sentito parlare?

Il vero castello di Dracula: Cetatea Poienari

Abbiamo deciso che come prima tappa avremmo visitato il “Vero castello di Dracula” ovvero l’unico castello della Transilvania che nella realtà dei fatti abbia davvero qualche connessione con Vlad Tepes. Castello che ormai non si può più definire tale, rimane comunque bellissima fortezza, peccato che… appena arrivati sul luogo abbiamo subito dovuto rinunciare alla visita “causa orsi”. In che senso? proprio in questo senso. La fortezza di era chiusa al pubblico per pericolo di attacco da parte di orsi! Ci siamo accontentati di guardarla dall’alto, non so se si veda nella foto qui sopra, si intravede una bandiera della Romania.

Direzione Brasov

Quello che invece tutti chiamano il Castello di Dracula, situato a Bran, non ha nulla a che fare con “Vlad l’Impalatore”. La nostra seconda tappa, in ogni caso è la bellissima Brasov a pochi minuti da Bran. Prima di raggiungere la cittadina, però, decidiamo di avventurarci per una delle strade più belle del mondo: la Transfăgărășan.

Questa strada monumentale è stata voluta dall’ex Presidente rumeno Ceaușescu, era una delle sue opere megalomani. Niente da dire.. lo spettacolo è bellissimo!

Una volta superati i monti Fagaras in poco tempo siamo a Brasov, cittadina veramente incantevole in pieno stile “austro-ungarico”. Una caratteristica è la scritta stile Hollywood che troneggia sulla città!

Fuori dalle rotte turistiche: inizia la vera avventura!

Il programma per il giorno successivo sarebbe stato quello di visitare il famoso castello di Dracula (quello di Bran) e i castelli nei pressi di Sinaia (Castello Peles e Pelisor).

Iniziamo la giornata con la carinissima fortezza di Râsnov, a pochissimi minuti di macchina dal centro di Brasov. Questa fortezza ha una storia lunghissima, fu costruita per la prima volta nel I secolo a.C. e utilizzata a scopo militare fino al XVIII secolo.

Proseguendo il tour di fortezze e castelli della zona, per raggiungere il castello di Bran (quello di Dracula) impieghiamo tantissimi tempo nonostante le distanze siano molto brevi. Consiglio: mai scegliere il weekend per visitare i castelli della Transilvania!!
Infine raggiungiamo il castello, ma decidiamo di ammirarlo solo da fuori: troppo turistico per i nostri gusti. Prendiamo un caffè e si riparte subito!

Il castello di Dracula!

La giornata procede non proprio come previsto: meglio ancora! A causa di un incidente sulla strada siamo costretti a cambiare itinerario al posto di proseguire nella direzione di Sinaia e sei suoi castelli ci avventuriamo per strade di montagna fuori dai soliti itinerari turistici! Proprio qui inizia il bello… attraversiamo per paesini autentici, luoghi in cui ancora si raccoglie l’acqua dai pozzi in strada, dove le persone trasportano il fieno su carretti trainati da cavalli e quando ci fermiamo in bar per bere una birra le persone ci guardano con stupore e gioia!

É questo il bello del viaggio: cambiare i programmi, cambiare strade, farsi stupire dalle cose più semplici. La Romania è molto più interessante di quanto ci aspettavamo! 

Nella prossima puntata vi porto dritti dritti nel Delta del Danubio!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0