Tempo di lettura: 3 Minuti

Riciclo della carta: BellaStoria alla Rufa

Riciclo della carta: BellaStoria alla Rufa

L’Accademia di design di Roma (RUFA) presenta nuovi sistemi di riciclo della carta semplici e innovativi per sostenere il movimento ambientalista. Il

Il primo passo per trovare lavoro è avere un curriculum che spacchi!
Studenti di Design alla fiera di Milano
Scopri tutto sulla Design Academy Eindhoven: leggi l’intervista ad una studentessa!

L’Accademia di design di Roma (RUFA) presenta nuovi sistemi di riciclo della carta semplici e innovativi per sostenere il movimento ambientalista.

Il riciclo della carta e materiali di riutilizzo è uno step importante soprattutto nelle Università, centri di consumo di plastica e carta. Quest’anno il sistema universitario ha deciso di dare un taglio alla distribuzione smodata di materiali inquinanti per l’ambiente e assieme a tante altre, ha intrapreso una battaglia ambientale per curare e proteggere il nostro pianeta e farne un mondo più pulito.

Gli studenti sono forza e innovazione

Molte volte le Università possono essere fonte importante di innovazione e originalità per supportare una battaglia. Nel contesto progettistico, le accademie di design giocano un grande ruolo.

Prendendone una a esempio, L’accademia di desgin RUFA di Roma ha fatto grandi passi avanti nella progettazione di sistemi di riciclo della carta che potrebbero essere uno spunto innovativo per le aziende di design o anche un esercizio di semplice fai da te per i negozi nel riutilizzo di materiali.

Il Progetto di riciclo “Qube”

 

Il Progetto più originale di riciclo della carta, parte da una scatola di scarpe. Un semplice mezzo di riutilizzo che noi giovany conserviamo inutilmente nei nostri armadi. Ora si può riutilizzare e ti spiego come.

Il Progetto “Qube” realizzato dallo studente Clement Taffuri dell’accademia RUFA
E’ un innovazione nel sistema di riciclo  in quanto al momento dell’acquisto delle scarpe, scatola compresa, possono essere dati al cliente degli elementi di cartone ( riciclando scatole di scarpe) con cui si può montare una scarpiera.

Il riciclo di una scatola può essere il cambiamento

Il progetto è ecosostenibile ed economico per tutti. Invece di andare all’IKEA e acquistare una scarpiera di plastica o qualunque altro materiale non riutilizzabile, possiamo crearla noi tramite il reimpiego della  carta che finirebbe per essere inutilmente buttata via.

Economico e Facile per tutti

L’idea comporterebbe un cambiamento del processo produttivo delle aziende di grossa distribuzione quasi impossibile. Nel nostro piccolo però,possiamo salvaguardare e sostenere il riciclo della carta attraverso questo progetto economico e soprattutto super originale.Io ho iniziato a progettare la mia prima scarpiera seguendo il progetto QUBE e devo dire che non solo la mia vecchia scarpiera ora è vuota e più spaziosa,ma tutta la carta delle scarpe è stata riciclata in modo intelligente.

via al progetto QUBE. Giovany NO all’Ikea, SI al riciclo sostenibile

#FacceCaso

Di Francesca Assenza

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0