Tempo di lettura: 2 Minuti

Università Italiana: Tanto ci da … tanto ci spella!

Università Italiana: Tanto ci da … tanto ci spella!

Un’analisi pulita e schietta sul perché l’Università Italiana non fa tornare a noi ciò che prende ai giovany. Una ricerca economica francese lo dimost

“Grant 2016”: quando la prospettiva di un futuro per i giovani diventa possibile
Borse di studio? Ecco tutto ciò che devi sapere!
Borse di studio agli atleti migliori come in America: succede in provincia di Arezzo

Un’analisi pulita e schietta sul perché l’Università Italiana non fa tornare a noi ciò che prende ai giovany. Una ricerca economica francese lo dimostra.

Per un pugno di Lauree

Per un pugno di dollari o in questo caso, di pezzi di carta, un qualunque studente sarebbe disposto a fare salti mortali, se solo questo sacrificio trovasse riscontro nel mondo lavorativo. Il recente studio del’OCSE chiamato “education at glance” gravita intorno a questo “mistero della fede”. Lo studio ha portato a queste conclusioni: Il 57% dei ragazzi si laurea, ma in settori e discipline poco affini alle categorie di utilità collettiva. L’Università Italiana è continuamente in bilico.

Tasse Alte e Borse Insufficienti non aiutano a progredire

L’Università Italiana è impantanata in questa situazione ormai da anni. I ragazzi sono sempre meno predisposti a iscriversi per le ingenti somme di denaro da versare all’Università e, ahimè,  la borsa di studio al giorno d’oggi è diventata una caccia all’oro. Attenzione però. I dati non mettono in discussione che prendere una laurea sia comunque molto più vantaggioso. Infatti chi è laureato guadagna il 39 % in più rispetto ai diplomati. Miei cari, ci sono di nuovo brutte notizie. Se rapportiamo questo dato all’intero 57 % dei laureati prendendo in considerazione solo la fascia giovanile dai 25 ai 34 anni, scopriremo che questo famoso pezzo di carta rende solo  il 19 % in termini di reddito.

La Facoltà scelta può essere calcolata in termini redditizi

Filosofi, archeologi, politologi,ecc… Siete importanti, lo sono tutti, ma purtroppo non siete “cash” per il paese. Il fenomeno dell’Università Italiana è studiato in tutto il mondo e particolarmente dal’OCSE parigino che ha “stimato” le facoltà sotto forma di denaro. Questi i riscontri “proficui” delle facoltà:
Facoltà di Tecnologie Informatiche e comunicazione: 87 % di probabilità redditizia
Facoltà di Ingegneria-Meccanica-Edile- Civile : 89 % di probabilità redditizia
Facoltà Umanistiche-Sociali e Artistiche: 29 % di probabilità redditizia

L’Università Italiana modella i sogni di tanti aspiranti giornalisti, professori e artisti senza ripagarli del loro sacrificio e amore per queste discipline.
Rimane importante capire che i nostri orientamenti formativi debbano essere rispettati in termini non solo disciplinari, ma anche redditizi.

#FacceCaso

Di Francesca Assenza

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0