Tempo di lettura: 3 Minuti

A scuola con…Checco Zalone!

A scuola con…Checco Zalone!

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca a Luca Medici, in arte Checco Zalone. Vi siet

Il cinema rende UNI-CI
È la Festa del Papà, 5 film per celebrarlo
Trento Film Festival: torna il cinema di montagna dedicato agli studenti

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca a Luca Medici, in arte Checco Zalone.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti personaggi come Salvini, PIF o Salmo? Noi sì. E visto il successo della nostra rubrica sugli sportivi, abbiamo deciso di allargare il campo, includendo nella nostra indagine attori, musicisti, politici e chi più ne ha più ne metta.

A poco più di 2 mesi dall’uscita della sua opera prima alla regia ed oltre 10 anni dopo il suo debutto cinematografico, abbiamo scelto di occuparci del percorso scolastico di uno degli attori più amati dagli italiani: Checco Zalone. A suggerirci questo nome è stato ancora una volta Matteo Bruno (che ringraziamo), che a proposito del comico pugliese ci ha scritto:

Ha conseguito il diploma di maturità vicino Bari, precisamente al Liceo Scientifico “Sante Simone” di Conversano (Via Gallo 2). Non contento, ha poi deciso di iscriversi all’università, optando per il corso di Giurisprudenza della “Aldo Moro”, l’ateneo statale del capoluogo pugliese. Lì ha concluso i suoi studi, ottenendo la laurea a 27 anni, con il punteggio di 104 su 110.

Ebbene sì, dietro al personaggio dell’ignorantello che lo ha reso famoso si nasconde un potenziale avvocato. Ma d’altronde a Checco è sempre piaciuto indossare una maschera; ne sa qualcosa Bianca Guaccero, che proprio al liceo respinse le avances di uno Zalone in versione presentatore televisivo.

All’epoca l’attuale conduttrice di “Detto Fatto” aveva appena conquistato la corona di Miss Bitonto, mentre l’allora adolescente Luca Medici era solo uno dei tanti. Nessuno si sarebbe mai immaginato che di lì a qualche anno avrebbe stregato l’Italia intera facendo sorprendentemente registrare anche il primato all-time di incassi al botteghino per un film italiano con il “suo” Quo Vado.

Alla fine, insomma, la Guaccero si sarà pentita di non aver “sposato” la simpatia di Checco. Scherzi a parte, di sicuro chi non si è pentito di non aver scelto l’avvocatura è Zalone, che facendo ridere le persone è forse riuscito in un’impresa impossibile per qualsiasi legale: mettere tutti d’accordo.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0