Tempo di lettura: 2 Minuti

A scuola con…Andrea Dovizioso

A scuola con…Andrea Dovizioso

Che scuola hanno frequentato i campioni italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca a “Desmodovi” Andrea Dovizioso. Vi siete

Pelle hi-tech e pizza-boy automatici, la robotica è di casa al TG USA
Liceo Socrate: foto con saluto fascista ed è subito polemica
A due anni dal terremoto riapre l’Istituto di Amatrice

Che scuola hanno frequentato i campioni italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca a “Desmodovi” Andrea Dovizioso.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti campioni e campionesse del calibro di Buffon o Bebe Vio? Noi sì. E per risponderci (o meglio, per rispondervi) abbiamo ideato una rubrica nella quale ogni settimana ripercorreremo la carriera scolastica di uno sportivo.

Questa settimana la MotoGp sbarca in Malesia per il Gran Premio di Sepang, una gara speciale per uno dei nostri portacolori, che qui ha centrato sia il suo primo podio nella classe regina, sia la prima vittoria con la sua attuale scuderia, la Ducati. Stiamo parlando del centauro italiano più forte del momento: Andrea Dovizioso.

Come il suo collega Valentino Rossi, anche Dovi è un pilota della cosiddetta “scuola romagnola” e così come il Dottore, anche lui è “figlio d’arte”. Il padre Antonio, infatti, era un motocrossista di discreto livello e convinto che Andrea sarebbe diventato un campione del mondo ancor prima che nascesse, lo ha cresciuto fin da subito a pane e gran premi.

Ma si sa, spesso i bravi piloti sono anche degli ingegneri mancati. E’ il caso anche di Dovizioso, che però non è mai stato particolarmente portato per lo studio. A scuola, per sua stessa ammissione, non aveva pensieri che per il grande amore della sua vita: le motociclette.

E così, finito il primo anno di scuole superiori all’Istituto Tecnico per Geometri “Leonardo Da Vinci” di Cesena (Piazza Giorgio Sanguinetti 42), scelto soltanto perché distava appena 20 minuti di autobus dalla nativa Forlimpopoli, Dovi ha abbandonato la carriera scolastica per dedicarsi anima e corpo alle due ruote.

Da quel giorno la sua vita è completamente cambiata e dopo anni di gavetta e sacrifici Andrea ha incominciato anche a togliersi le prime soddisfazioni in sella alla sua Ducati Desmosedici. Oggi è uno dei principali avversari del dominatore Marquez e l’anno prossimo tenterà ancora una volta di strappargli il titolo dalle mani, disegnando le curve con precisione…geometrica.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0