Tempo di lettura: 1 Minuti

I soldi? Ci sono, ma nei materassi

I soldi? Ci sono, ma nei materassi

Secondo recenti dichiarazioni, rilasciate da personaggi illustri del mondo della finanza, i soldi non mancherebbero. Che siano nei materassi? Ricorda

Valeria Fedeli riconosce il gap che c’è con gli altri paesi per istruzione e formazione
Edilizia scolastica: l’’Italia presenta a tutta l’Europa il suo piano per il risanamento
Banche sempre più tecnologiche: ecco come si avvicinano a noi

Secondo recenti dichiarazioni, rilasciate da personaggi illustri del mondo della finanza, i soldi non mancherebbero. Che siano nei materassi?

Ricordate il periodo in cui tutti parlavano di “Crisi”? C’è crisi; no, non posso venire a cena c’è la crisi; a Natale rimaniamo a casa, sai la crisi… in maniera più o meno scherzosa se ne parlava sempre. Oggi questa parola è stata sostituita dai tormentoni politici di turno: al momento “terrorismo” è seguito il momento “immigrazione”, che ha caratterizzato tutto il 2019 nostrano.

Si, tutto giusto, ma la “Crisi” che fine ha fatto? Ci sono i soldi?

Sotto il materasso

Secondo fonti autorevoli del campo della finanza, i soldi ci sarebbero, certo come al solito in mano a pochi fortunati, ma verrebbero nascosti. Eh già, avete letto bene: il caro vecchio metodo del materasso non è mai, veramente, andato in pensione.

Stando a quanto dichiarato da Sven Bertelmann, capo del Centro Nazionale di Analisi della Bundesbank di Mainz (Germania), la questione sarebbe abbastanza semplice da capire: “Le persone nascondono i loro soldi ovunque”.

Succede sempre più volte che le persone tengono il denaro in una busta e poi lo distruggono per errore. Prendiamo le banconote con le pinzette e poi cominciato a metterle insieme, come un puzzle”.

E la storia sembra dargli ragione. Proprio lo scorso settembre, in Germania, un uomo avrebbe fatto causa ad un amico, reo di avergli riparato la caldaia. Niente di strano, certo. Se non fosse che la caldaia, secondo l’accusatore, era imbottita con circa 500 mila euro. Risultato: banconote incenerite e conseguente chiamata in tribunale. Con conseguente scontata sconfitta.

Tutti dicono di non accumulare denaro contante, ma il denaro giace chiaramente da qualche parte”, rivela Henk Esselink, capo della sezione emissione e circolazione nella divisione di gestione valutaria della BCE.

E voi, cosa ne pensate? Meglio affidarsi ad una banca o dormire sonni tranquilli, magari su un bel materasso super-imbottito?

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0