Tempo di lettura: 3 Minuti

A scuola con… Luigi Di Maio!

A scuola con… Luigi Di Maio!

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca al Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Vi si

Giornali a scuola: Di Maio dice no
Manovra del Popolo: assorbenti sono un bene di lusso. Di che “popolo” stiamo parlando?
Dove sono i giovani nella manovra finanziaria?

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca al Ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti personaggi come Salvini, PIF o Salmo? Noi sì. E visto il successo della nostra rubrica sugli sportivi, abbiamo deciso di allargare il campo, includendo nella nostra indagine attori, musicisti, politici e chi più ne ha più ne metta.

Oggi ci occupiamo del curriculum studiorum di un uomo che in questi giorni sta facendo parlare di sé per via delle sue clamorose dimissioni da leader politico del MoVimento 5 Stelle. Ormai lo avete capito, stiamo parlando del nostro attuale Ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio.

Come si legge sulla biografia di Di Maio pubblicata dal sito dei grillini, l’ex Ministro dello sviluppo economico ha frequentato il Liceo Classico a Pomigliano d’Arco, a pochi passi da Napoli. È proprio nelle vesti di studente che Luigi ha cominciato a mostrare le sue doti politiche, convincendo gli altri alunni a scommettere su di lui nominandolo rappresentante d’istituto.

Mentre ricopriva questa sua prima carica ottenne diversi risultati. Portando all’attenzione del preside la fatiscenza delle aule nelle quali lui e i suoi compagni erano costretti a studiare, infatti, Di Maio lo convinse ad inaugurare una nuova sede e fu proprio lui a posarne simbolicamente la prima pietra.

Ma di quale istituto stiamo parlando? È presto detto, si tratta del ginnasio statale “Vittorio Imbriani” (Via Pratola Ponte 20-22), scuola presso la quale l’ex Vicepresidente del Consiglio ha conseguito il diploma nel 2004, ottenendo il massimo dei voti. A detta del suo biografo ufficiale Paolo Picone, in classe Luigi era un ragazzo introverso e soprattutto bravo, sebbene non studiasse molto.

Insomma, nello studio Di Maio era particolarmente dotato. Peccato che non coltivò queste sue doti anche all’università visto che, dopo essere passato da Ingegneria a Giurisprudenza, lasciò il percorso accademico intrapreso presso la Federico II di Napoli. Poco male comunque, l’ormai ex grillino c’è riuscito lo stesso a fare ciò che voleva; senza laurea ma con tante idee, buone o cattive che siano.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0