Tempo di lettura: 1 Minuti

Cagliari in prima linea nella lotta al Coronavirus grazie all’Università

Cagliari in prima linea nella lotta al Coronavirus grazie all’Università

L’università di Cagliari farà parte del progetto milionario “EXSCALATE4CoV” (E4C), che riunisce i migliori team di virologhi Europei per contribuire a

Clab, una nuova strada per diventare imprenditori
Si moltiplicano in Italia i corsi in lauree green
Ambiente vs Uomo: la tregua che nasce con gli effetti benefici del Covid sul pianeta

L’università di Cagliari farà parte del progetto milionario “EXSCALATE4CoV” (E4C), che riunisce i migliori team di virologhi Europei per contribuire alla lotta contro il coronavirus.

C’è chi evita di uscire, chi prova a rimanere ottimista e chi si occupa dei propri cari. In un momento di crisi come quello di oggi è dovere di tutti fare la propria parte e in questo senso l’università di Cagliari non si è certo tirata indietro.

Infatti, i più brillanti ricercatori del dipartimento di microbiologia e virologia, sotto l’attenta guida del professore a capo della facoltà, hanno preso parte ad un prestigioso progetto europeo per la lotta al coronavirus chiamato “EXSCALATE4CoV” (E4C). Il team, che ad eccezione del docente Enzo Tramontano è interamente al femminile, passerà i prossimi mesi a lavorare intensamente per cercare di arginare l’epidemia in corso.

Il progetto EXSCALATE4CoV

Il nome non è sicuramente invitante, ma vi assicuro che il progetto in questione è davvero fondamentale. Infatti, ha come obiettivo migliorare la gestione dell’epidemia, sia dal punto di vista della sanità pubblica sia dal punto di vista della ricerca di una cura. I virologi dell’ateneo sardo lavoreranno a fianco degli altri 17 gruppi di ricerca provenienti da tutta Europa per sviluppare farmaci in grado di rispondere a questa situazione di emergenza. Essere selezionati per un programma del genere è ovviamente un orgoglio e un onore per il team di ricerca, che grazie alle sue capacità non solo potrà contribuire in modo diretto alla lotta contro il virus, ma avrà anche accesso ad un finanziamento di ben 3 milioni di euro.

Il lavoro delle giovani virologhe sarde non può che essere una fonte di ispirazione: anche noi possiamo avere delle accortezze, nel nostro piccolo, per evitare che la situazione peggiori. In queste settimane non proprio facili la squadra dell’Università di Cagliari si sta impegnando per fare la differenza e dare il suo contributo.

Speriamo di ricevere buone notizie nei prossimi giorni, ma nel frattempo … in bocca al lupo ragazze!

#FacceCaso

Di Alice Favazza

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0