Tempo di lettura: 1 Minuti

Tartarughe, pipistrelli e pangolini, quanti animali al TG USA 2.0

Tartarughe, pipistrelli e pangolini, quanti animali al TG USA 2.0

Nell'edizione odierna parleremo di una curiosa ricerca sulle tartarughe e di un'importante conferma sul Covid-19. Perciò do' annate? Restate con noi.

Figli e genitori, quando il ringraziamento fa il giro del mondo
“NOI SIAMO PRONTI. CI RUBANO IL TEMPO: RIPRENDIAMOCELO!”
Allarme igiene tra i giovany: il 40% non usa il deodorante

Nell’edizione odierna parleremo di una curiosa ricerca sulle tartarughe e di un’importante conferma sul Covid-19. Perciò do’ annate? Restate con noi.

Per quasi due mesi è rimasto in quarantena esattamente come noi. Nella Fase 3, però, condividerà anche lui con il Coronavirus e più carico di prima, proverà ad indebolirlo con qualcuna delle sue bombe (ogni settimana una nuova Covid News nel box a metà articolo). È il TG USA 2.0 ladies and gentlemen, siete carichi? Allora daje; anzi, C’MON!

Tartarughe ospitali

Curiosa scoperta quella fatta da un team di ricercatori della Florida State University, che dopo aver analizzato 24 tartarughe marine emigrate un paio di anni fa sull’isola di St. George (Florida), hanno rinvenuto sulla maggior parte di essi dei nematodi, creature microscopiche grandi su per giù 1 mm. Nello studio, recentemente pubblicato sulla rivista Diversity, si legge che sul dorso di una delle 24 tartarughe di queste micro-creature ce n’erano oltre 140.000.

Curiosità della settimana: gli studenti della Brigham Young University di Provo (Utah) definiscono il loro ateneo “un’agenzia matrimoniale travestita da università”. Al momento della laurea, infatti, il 50% circa di loro risulta già sposato.

Ufficiale, il Covid-19 è un “regalo” di Madre Natura

A quanto pare i complottisti dovranno mettersi l’anima in pace, il Coronavirus è un prodotto della natura. A spazzare via i dubbi una volta per tutte ci ha pensato uno studio della Duke University che è stato pubblicato un paio di giorni fa su Science Advances. La ricerca in questione, guidata dalla nostra connazionale Elena Giorgi, mostra come il Covid-19 che ha colpito oltre 6 milioni di persone nel mondo sia figlio di un miscuglio di geni ereditati dai coronavirus di pipistrello e pangolino.

Si è laureato a…New York. Stiamo parlando del giovane attore statunitense Jesse Eisenberg, che ha conseguito una laurea in Arti Liberali presso la The New School.

Un’oasi nel deserto dell’inquinamento

Si trova al di sopra dell’Oceano Meridionale che circonda l’Antartide e secondo gli scienziati della Colorado State University che l’hanno identificata è l’unica regione atmosferica della Terra che non è stata ancora contaminata dalle particelle prodotte dalle attività dell’uomo. L’aria campionata dai ricercatori è infatti risultata priva non solo di inquinanti emessi in loco ma anche di quelli importati da fuori.

Per questa settimana è tutto cari lettori. Il TG USA 2.0 saluta, ringrazia e augura una buona Fase 3 a voi e ai vostri congiunti e inoltre vi invita to be careful (de ‘sti tempi più del solito) o, se preferite, a FacceCaso.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0